rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità

Vietati i brindisi di Capodanno, aperitivi solo ai tavoli all'interno dei locali

L'ordinanza del sindaco Marino mette ulteriori paletti alla vigilia di Capodanno. Mercato di via Ruta solo per il settore alimentare

Vietata la vendita di cibi e bevande al banco e all'esterno dei locali di Caserta mentre resta consentita la somministrazione esclusivamente all'interno. E' quanto prevede l'ordinanza del sindaco di Caserta Carlo Marino che ha disposto ulteriori limitazioni nel Capoluogo nella giornata della vigilia di Capodanno. 

L'ordinanza prevede che dalle 11 del 31 dicembre fino alle 5 del mattino seguente è vietata la somministrazione di alimenti e bevande "al banco, all'interno dei locali, e ai tavolini esterni". Vietata anche qualsiasi "forma di festeggiamento o brindisi" nelle aree pubbliche e ad uso pubblico. La fiera bisettimanale di via Ruta, in programma per il 31 dicembre, sarà consentita esclusivamente agli esercizi del settore alimentare.

"Non possiamo permetterci di perdere il controllo della situazione, sono urgenti misure che consentano quantomeno di limitare l’eccessivo incremento di contagi registrato negi ultimi giorni”, ha detto il sindaco Carlo Marino nel motivare il provvedimento con l’obiettivo di evitare assembramenti e, dunque, possibilità di contagio. L'ordinanza è stata disposta al termine della riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto Giuseppe Castaldo, alla quale hanno partecipato oggi anche i vertici di Camera di Commercio, Confindustria, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti e Coldiretti.

Il report quotidiano dell’Asl Caserta del 29/12/21 certificava 1032 casi positivi in città al 28/12/21. Inoltre, secondo i dati della Piattaforma regionale Sinfonia l’incidenza dei nuovi positivi a 7 giorni per 100.000 residenti nella settimana attuale di riferimento (20 a 26 Dicembre 2021) ha un valore per il Comune di Caserta di 536,60, rispetto ad una media in Regione Campania di 382,73. La tabella dell’Heatmap, che evidenzia l’incidenza dei positivi divisa per fasce d’età per 100mila residenti, mostra i valori più alti per le fasce 14- 18 anni (1819,15) e 19-25 anni (1615,37).

“I dati statistici e scientifici che arrivano da Asl e Regione - ha aggiunto il sindaco Marino - sono molto chiari: il contagio avanza in città troppo velocemente e la fascia più colpita è quella dai 14 ai 25 anni, non a caso quella che è coinvolta nella cosiddetta movida cittadina. Abbiamo deciso un provvedimento che mira a tutelare gli esercizi che lavorano con responsabilità e nel pieno rispetto delle regole, evitando pericolosi assembramenti. L’alternativa sarebbe stata chiudere tutto, con evidenti danni economici per tutte le attività. Ed è ciò che vogliamo evitare anche nelle prossime settimane. Ci riusciremo solo con la collaborazione ed il senso di responsabilità di ognuno di noi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vietati i brindisi di Capodanno, aperitivi solo ai tavoli all'interno dei locali

CasertaNews è in caricamento