Bollette più alte, giallo sulla Tari

Il Pd attacca: "Ecco cosa è accaduto"

Il segretario del Pd Recale Michele Lasco

Sono passate ormai diverse settimane da quando la sezione del PD di Recale ha denunciato di aver riscontrato numerosi errori nel calcolo del costo del servizio di raccolta rifiuti per gli anni 2018 e 2019. Errori che, secondo i Democratici, avrebbero costretto i cittadini a pagare bollette TARI più alte di quanto realmente dovuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Purtroppo – denuncia il segretario PD Michele Lasco – ai nostri rilievi circostanziati l’amministrazione del sindaco Raffaele Porfidia non ha dato nessuna risposta, tranne una rassicurazione, altezzosa quanto generica, sulla correttezza dei conti. Dal momento che continuiamo a pensare che la matematica non sia un’opinione, e che i conti vadano sempre verificati, abbiamo deciso di pubblicare sui social e sul nostro sito tutti gli errori individuati, illustrandoli uno per volta quanto più chiaramente possibile. Per cominciare abbiamo scelto quello più facile ed immediato da individuare: l’inversione di segno del contributo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. La legge 31/2008 prevede che il Ministero debba versare la TARI per gli istituti scolastici con uno stanziamento annuale commisurato al numero di alunni che frequentano le nostre scuole: questo stanziamento ammonta a 3.716 euro sia per il 2018 che per il 2019. Non c’è dubbio che questo contributo sia un’entrata e che, quindi, vada scritto con il segno meno e scalato dal costo totale. Ma, se ci si prende la briga di spulciare i fogli di calcolo, si scopre che, mentre nei piani finanziari nel 2018 la cifra è stata correttamente sottratta, nel 2019 il segno meno è sparito, nonostante fosse specificato “a dedurre”. Ciò ha comportato che quella cifra, da entrata qual era, è diventata inopinatamente una spesa, caricando sul totale dei costi ben 7.432 euro in più. Prima che qualche zelante patrocinatore muova obiezioni, è bene rammentare che un’entrata trasformata in costo fa aumentare la somma finale del doppio del proprio valore. La nostra speranza – conclude Lasco – è che la divulgazione degli svarioni possa stimolare una risposta sensata alle nostre segnalazioni e, soprattutto, induca il sindaco Porfidia a ragionare sui possibili rimedi, a tutto vantaggio dei cittadini di Recale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

Torna su
CasertaNews è in caricamento