rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

"Condizionatori accesi solo nella stanza del sindaco. Impiegati lavorano in condizioni disumane"

La denuncia del consigliere Pasquale Napoletano sul gran caldo negli uffici comunali: "Spiace il silenzio dei sindacati"

All'interno del Comune di Caserta gli unici condizionatori funzionanti sarebbero quelli nella stanza del sindaco, in quella del segretario e nel centro elaborazione dati. Lo denuncia il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Pasquale Napoletano che sottolinea le "condizioni disumane" in cui sarebbero costretti a lavorare gli impiegati presso la sede di Palazzo Castropignano. 

"Il datore di lavoro è obbligato a tutelare la salute e l’integrità fisica e morale del lavoratore, per fare ciò deve adottare nell’esercizio dell’impresa tutte le misure che sono necessarie, in base alla tipologia di lavoro e sulla base dell’esperienza e della tecnica - commenta Napoletano - Questo almeno sulla carta. Ovunque, in Italia, ci si muove all'unisono - imprenditori, datori di lavori, dipendenti, sindacati, Inps, ecc - per combattere l'ondata di caldo. Ad eccezione del Comune di Caserta".

Ad oggi "gli unici impianti di climatizzazione funzionanti presso gli uffici comunali sono quelli nell'ufficio del Sindaco, nell'ufficio del Segretario Comunale e nella sala CED che, per ovvi motivi, onde evitare incendi e spegnimenti improvvisi, deve mantenere una temperatura idonea per evitare il surriscaldamento delle apparecchiature - prosegue - Non risulta che in nessun altro ufficio, della sede centrale o delle sedi distaccate, funzioni alcun condizionatore. Ci si arrangia con ventilatori (che smuovono aria calda, ovviamente) o aprendo le finestre (ottenendo il medesimo effetto, solo aria calda). Un fastidiosissimo effetto sauna che impedisce di lavorare in maniera serena e che comporta il disagio di ospitare l'utenza in uffici bollenti, con personale di front-office in condizioni fisiche indecenti (spossati e sudati). Spiace dover prendere atto della completa assenza dei sindacati - dice ancora il consigliere - E spiace che i dipendenti dimentichino, con i loro rappresentanti sindacali, anche l'istituto dello smartworking (altra merce rara, presso il comune di Caserta ove, dalla pandemia in poi, si è sempre individuata una strada "casertana" per le procedure). Solidarietà agli impiegati costretti a lavorare in condizioni disumane", conclude. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Condizionatori accesi solo nella stanza del sindaco. Impiegati lavorano in condizioni disumane"

CasertaNews è in caricamento