Attualità

Il commissario straccia il contratto con l’Asmel dopo i pasticci sul Puc

Lastella decide di recedere, l’ex consigliere Galluccio: “Una scelta giusta”

Il commissario prefettizio Michele Lastella

Il commissario prefettizio che guida il Comune di Aversa Michele Lastella ha deciso di recedere dall’Asmel, la centrale di committente degli appalti pubblici finita al centro delle polemiche dopo il pasticcio sulla gara per la redazione del Puc, annullata per un errore grossolano commesso nella composizione della commissione aggiudicatarie.

Con la delibera numero 35, approvata coi poteri del consiglio comunale, il commissario ha sottolineato come “si sono sviluppate criticità procedurali relativamente ad atti istruttori, specifici degli atti di gara per la nomina delle commissioni, la corretta sottoscrizione degli atti e quant’altro che hanno dato luogo anche a contenziosi”.

Inoltre il commissario ha sottolineato come “per l’utilizzo della piattaforma Asmecomm sono poste a carico delle imprese aggiudicatarie i costi di committente per una percentuale variabile dall’1,5% allo 0,5% sugli importi; sul posto l’Anac ha evidenziato che non esistono disposizioni legislative che abilitano le stazioni appaltanti a richiedere il pagamento di una commissione agli aggiudicatari delle proprie gare d’appalto, realizzandosi, così, un quadro di incertezza in ordine all’obbligatorietà di tali costi anche in ordine alla ripartizione degli stessi”.

Sulla base di questi elementi, il commissario ha deciso di rescindere il contratto. Una scelta che ha trovato il plauso dell’ex consigliere comunale della Lega Michele Galluccio che ha affermato: “Condividiamo la scelta del commissario, visto che l’Asmel ha creato problemi, soprattutto sulla gara del Puc. Non ci si può fidare di chi sbaglia le procedure, mettendo a rischio il commissariamento del Puc”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commissario straccia il contratto con l’Asmel dopo i pasticci sul Puc

CasertaNews è in caricamento