menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il deputato casertano Giuseppe Buompane

Il deputato casertano Giuseppe Buompane

Incendio allo Stir, il deputato casertano dei 5 Stelle: “L’impianto va commissariato”

Buompane ‘segue’ l’interpellanza della collega Moronese e chiede anche l’intervento dell’Antimafia

“Questo è l’ennesimo attentato alla salute pubblica ed un attacco criminale allo Stato; se dietro c'è la criminalità, allora chiediamo che intervenga la DDA”. È l’appello di Giuseppe Buompane, deputato casertano del Movimento 5 Stelle e vice presidente della Commissione Bilancio alla Camera dei deputati, che è intervenuto sull’ennesimo rogo di rifiuti nello Stir di Santa Maria Capua Vetere. 

“E' un film già visto l'anno scorso quello delle fiamme allo Stir di Santa Maria Capua Vetere  tutt'ora ancora oggetto di indagini - spiega Buompane - Sono duecento le tonnellate di rifiuti andati a fuoco ed è inammissibile che sia accaduto di nuovo dopo le misure messe in atto. Soltanto martedì scorso ho chiesto al Prefetto di Caserta, in audizione in Commissione Difesa alla Camera dei Deputati, chiarimenti sulle criticità e gli sviluppi della vigilanza del territorio e dei siti di stoccaggio interessati nel recente passato anche da incendi di natura dolosa. Al momento non ci sono spiegazioni ufficiali per quanto accaduto. Ma c'è di sicuro una gestione dissennata del ciclo dei rifiuti, della prevenzione e del controllo I cittadini di Santa Maria Capua Vetere e dei comuni limitrofi sono esasperati dalla situazione che mette a diretto rischio la propria salute”.

Proprio sul rogo allo Stir nella giornata di giovedì è stata annunciata una interpellanza urgente di Vilma Moronese, Presidente della Commissione Ambiente al Senato e Vincenzo Viglione in Consiglio Regionale, “iniziative che condivido pienamente - continua Buompane - Anche noi portavoce alla Camera dei Deputati stiamo valutando quali iniziative intraprendere. Già nei mesi passati, all’approssimarsi del blocco dell'inceneritore di Acerra, alla notizia dell'individuazione da parte della Provincia di Caserta, dello Stir di Santa Maria Capua Vetere, come sito di stoccaggio provvisorio, ho sollevato fin da subito delle perplessità circa la sicurezza dell’impianto”. 

“Qualcuno - ricorda il deputato casertano - scambiando una semplice constatazione di un ennesimo pericolo imminente, per sterile polemica politica, dichiarava in proposito che lo Stir non sarebbe andato incontro ad una nuova emergenza ambientale dovuta ad una saturazione dello stesso per una sua mancata o rallentata evacuazione, in quanto erano già state espletate procedure di gara ad evidenza pubblica per il trasporto ed il conferimento fuori regione e fuori nazione dei rifiuti generalmente destinati al termovalorizzatore di Acerra. Neanche adesso faccio polemica politica. In questo momento è necessario che venga convocato con urgenza il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica perché' bisogna subito dare delle risposte di quanto accaduto stamattina”.

Proprio come la collega senatrice Moronese, anche Buompane spiega che in caso di responsabilità legate alla gestione “si provvedi a commissariare subito l’impianto per sottrarlo alla gestione fallimentare della Provincia di Caserta e della Regione Campania”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento