rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità Cellole

"Oltre 50 cani lasciati in catene sotto al sole"

La segnalazione degli animalisti che chiedono l'intervento dei Comuni

Oltre cinquanta cani legati alla catena o corde per lunghi periodi ed in spazi ristretti nei Comuni di Cellole e Sessa Aurunca: "E le istituzioni stanno a guardare?". È la denuncia dei volontari animalisti del territorio di cui si fa portavoce Teresa Vitale da anni impegnata in prima linea per la tutela degli animali nei comuni di Cellole e Sessa Aurunca .

"Sono numerose le segnalazioni che mi giungono dai cittadini che amano gli animali o quelle in cui io stessa nella mia opera di volontariato mi trovo a vedere ed è assurdo - spiega la volontaria animalista - nei comuni di Cellole e Sessa Aurunca con le sue frazioni mi ritrovo sempre più spesso ad vedere dei cani legati con catene o corde per lunghi periodi di tempo in spazi ristretti come box o in giardini privati o fondi con annesse baracche dove l'animale non è libero di muoversi agevolmente".

Il cane legato alla catena è una pratica ancora molto diffusa nel nostro Paese dove non esiste un'unica legge nazionale in tal senso. Sono quindi le Regioni ed i Comuni a dover stabilire i limiti e gli obblighi di questa orribile pratica. La Campania insieme al Lazio, L'Umbria e le Marche rientra nell'alveo delle regioni che vietano l'uso delle catene per i cani. La nuova Legge Regionale Sul Benessere Degli Animali prevede infatti un generale divieto di detenzione di animali d'affezione alla catena o altro strumento di contenzione similare. Nonostante ci sia tale divieto tale pratica non accenna a diminuire e le istituzioni preposte al controllo sembrano esser latitanti.

"Le istituzioni che dovrebbero tutelare il benessere degli animali ed intervenire in situazioni più volte segnalate dove palese è la presenza di un cane sofferente non intervengono - spiega Vitale - a volte ho l'impressione che si adotti la regola dello scaricabarile demandando tutto all'Asl veterinaria competente per territorio. Certo è sì competente ma se non viene compulsata a dovere il fenomeno continuerà a crescere e le istituzioni in questo anziché aiutare fungono da barriera. Vorrei solo che i comuni si attivassero di più per il benessere degli animali". Animali lasciati purtroppo ancora una volta al loro segnato destino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Oltre 50 cani lasciati in catene sotto al sole"

CasertaNews è in caricamento