Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità

Libera e Cgil presentano i campi della legalità

Il progetto finalizzato alla valorizzazione e alla promozione del riutilizzo sociale dei beni confiscati

Verranno presentati martedì a Casa Don Diana, Casal di Principe, a partire dalle 9.30, i nuovi Campi della Legalità di "E!State Liberi" promossi in tutta Italia dal sindacato pensionati della Cgil con Libera.

“E!State Liberi! - Campi di impegno e formazione sui beni confiscati” è un progetto finalizzato alla valorizzazione e alla promozione del riutilizzo sociale dei beni confiscati e sequestrati alle mafie, nonché alla formazione dei partecipanti sui temi dell'antimafia sociale e alla conoscenza dei territori coinvolti, attraverso specifici momenti di impegno concreto anche di prossimità e in collaborazione con gli attori sociali della rete di Libera. Se da un lato E!State Liberi! si delinea come un progetto di fondamentale importanza per le realtà che gestiscono beni confiscati e sequestrati, poiché si riesce a indirizzare nei confronti di queste realtà un importante contributo in termini partecipativi e promozionali, dall'altro lato i veri protagonisti sono i tanti giovani e adulti, che ogni estate decidono volontariamente di dedicare una parte delle proprie vacanze ad accompagnare il quotidiano impegno di cooperative sociali ed associazioni nelle reti territoriali dell'antimafia sociale.

Da quando sono iniziati, più di quindici anni fa, i campi hanno ospitato migliaia di ragazze e ragazzi e hanno visto impegnati nel lavoro volontario anche tanti volontari dello SPI CGIL, in un’ottica positiva di scambio di memoria e di confronto con i giovani. Quest’anno saranno diverse le località di Terra di Lavoro che ospiteranno i volontari provenienti da tutta Italia: Aversa, Teano, Sessa Aurunca, Casal di Principe, Castel Volturno, Cancello Arnone, Pignataro Maggiore, San Cipriano di Aversa.

Per Michele Colamonici, segretario generale dello Spi Cgil di Caserta “nei campi estivi si rinnova il nostro impegno per sostenere, sviluppare e incentivare le tante imprese della legalità e per la legalità che possono nascere sul nostro territorio, tuttora troppo condizionato dalle economie criminali. Al contempo, queste possono essere un momento di riflessioni sul riutilizzo sociale degli immobili confiscati alle mafie: ancora oggi i dati nazionali ci dimostrano uno scarso interesse degli Enti Locali a pubblicare gli elenchi dei beni confiscati”.

I campi verranno presentati domani, 13 luglio dalle 9.30, a Casa Don Diana (Via Urano, Casal Di Principe) da rappresentati dello Spi, di Libera e del terzo settore in una mattinata di incontro e confronto sul tema del riutilizzo dei beni sottratti alla criminalità organizzata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Libera e Cgil presentano i campi della legalità

CasertaNews è in caricamento