Bufera sul coordinatore della Protezione civile: "Istigava violenti contro Salvini"

Cinque consiglieri chiedono le dimissioni di Aldo Santamaria dall'incarico

Avrebbe portato avanti, sui social network, veri e propri atti di istigazione violenta nei confronti del leader della Lega Matteo Salvini: per questo motivo 5 consiglieri comunali di Mondragone, Valerio Bertolino, Pasquale Marquez, Alessandro Pagliaro, Antonio Pagliaro e Giovanni Schiappa, hanno chiesto le dimissioni del coordinatore della protezione civile Aldo Santamaria: "Nelle immediate vicinanze dei palazzi Cirio, anziché vigilare e sedare gli animi in funzione della carica ricoperta incitava ad atti violenti contro Salvini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chieste le dimissioni dal ruolo "per cui, già con evidenti illegittimità, è stato nominato dal sindaco Virgilio Pacifico, tenuto conto della vicinanza politica dello stesso Santamaria al consigliere regionale Giovanni Zannini e la diretta parentela con il consigliere comunale di maggioranza Marco Pacifico. Il tutto direttamente alla luce di quanto da subito pubblicato sui social network e girato in rete, in merito a veri e propri atti di istigazione violenta consumati in occasione della venuta del senatore Matteo Salvini. Dall’amministrazione comunale si attendono le doverose scuse, perché il rispetto delle regole deve essere anzitutto di chi ricopre cariche istituzionali, fermo restando che si è già provveduto a segnalare il tutto all’autorità giudiziaria. La democrazia a Mondragone, sempre e comunque, indipendentemente dalla parte in cui si sta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento