Biodigestore a Caserta, doppio 'no' in commissione Terra dei Fuochi

Vertice in Regione per l'impianto a Cava Mastellone o Ponteselice. Il presidente Zinzi: "Scelta unilaterale del Comune"

La Commissione Terra dei Fuochi

Doppio ‘no’ alla realizzazione del biodigestore anaerobico a Caserta nelle località di Cava Mastellone e Ponteselice è stato espresso dalla Commissione Terra dei Fuochi, ecomafie, bonifiche del Consiglio regionale della Campania riunitasi oggi per discutere del tema. 

La Commissione, presieduta dal consigliere regionale Gianpiero Zinzi, ha approvato all’unanimità una risoluzione con la quale "si esprime parere contrario alla realizzazione del biodigestore anaerobico nelle località di Cava Mastellone e Ponteselice, in ragione del forte rischio ambientale per il territorio e si impegna la Giunta a chiedere all’Eda rifiuti competente di lavorare ad un piano d’ambito che tenga conto delle vocazioni ambientali dei territori". 

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, la segretaria della Commissione, Maria Muscarà e i consiglieri Vincenzo Viglione e Francesco Emilio Borrelli; il sindaco di Valle di Maddaloni, Francesco Buzzi; l’assessore del Comune di Valle, Raffaella Coscia; il vice presidente della Fondazione ‘Leo Amici’, Pasquale Striano; la presidente del Comitato ‘Caserta grida No al digestore anaerobico’, Francesca Brizzi; l’onorevole Antonio Del Monaco; la dirigente regionale Valeria Ruocco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le conseguenze di scelte unilaterali intraprese dal Comune di Caserta - ha dichiarato il Presidente Gianpiero Zinzi - non possono ricadere sui cittadini e sui territori limitrofi, costretti a subire le ripercussioni di una decisione senza neanche essere coinvolti. Questo è accaduto finora a Caserta dove le soluzioni individuate per la localizzazione dell’impianto hanno determinato solo tensioni, oltre ad uno spreco di denaro e di tempo prezioso. La Giunta regionale si riappropri delle sue prerogative politiche in materia ambientale e detti la linea ponendo al centro le vocazioni ambientali dei territori e il rispetto degli stessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • “Avremo 5mila contagi in 4 settimane”, l'allarme di De Luca

  • Una casertana sbanca il programma di Gerry Scotti: vinti 55mila euro

  • Nel casertano si torna a morire e c'è un nuovo picco di contagi per Covid-19

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento