La protesta dei 'bambini speciali': palloncini azzurri contro l'Asl per avere la terapia Aba

Chiara: "Abbiamo visto tanti progressi in 5 anni, ora sono cambiati i dirigenti e ci propongono altro"

La protesta dei genitori dei bambini autistici davanti l'Asl Caserta

“Aba e basta, per tutti. Noi non molliamo”. Sono le parole pronunciate con fermezza e coraggio dai familiari e dai terapisti dei bambini speciali, ossia i bambini con disturbo dello spettro autistico riunitisi stamani in via Unità Italiana a Caserta, davanti alla Direzione Generale dell’Asl Caserta per chiedere a gran voce che la terapia cognitivo comportamentale ABA abbia una maggiore evidenza scientifica. 

“La nostra Asl da 5 anni a questa parte è stata l'unica in tutta Italia a finanziare il Progetto ABA - spiega Chiara Guerriero, madre di un bimbo autistico e portavoce dei tanti genitori dei bimbi speciali - ed ha concesso ai nostri figli la possibilità che venisse somministrata loro la terapia ABA senza limitazioni di età. Chi ha iniziato a parlare, chi ha smesso di dare testate al muro, chi ha imparato a stare seduto nel banco perché è stata data loro una motivazione ed è stato trovato un collegamento con noi. Ora cambiano i dirigenti e per l'Asl cambiano le idee”. 

Le rimostranze di tanti genitori coraggio che si ritrovano a far fronte comune dinanzi ai disagi derivanti dai disturbi dello spettro autistico nasce dalla decisione della dirigenza sanitaria di adottare una diversa metodologia terapeutica. “Si decide di offrire un progetto che sulla carta si chiama ABA ma che di fatto non lo è - sottolinea Guerriero- i nostri figli non hanno bisogno di idee, ma di scienza. Noi vogliamo l'unica terapia per noi possibile con maggiore evidenza scientifica :la terapia cognitivo comportamentale Aba”. 

Alle proposte alternative di terapie, come la psicomotricità e logopedia, il coro è unanime: “La scienza ce lo dice, Asl fatti da parte: vogliamo l'ABA perché la più efficace”. La continuità terapeutica è la speranza di sognare per molti genitori, un sogno di integrazione assicurato solo dall'ABA. Una garanzia per una vita dignitosa, 'normale' dove il sorriso dei bambini che hanno imparato a relazionarsi al mondo grazie alla terapia ABA è il più prezioso segno di fiducia al futuro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento