Finita la 'zona rossa' tornano gli assembramenti davanti ai bar: raffica di multe e chiusure

Tanta gente in giro dopo le due settimane di restrizioni: "Ora chiudiamo le strade"

“Contrariamente a quanto auspicato, si sono verificati stamattina domenica 8 novembre assembramenti all'esterno di diversi esercizi commerciali di Marcianise, in coincidenza con lo stop della zona rossa e con la riapertura degli esercizi stessi. Il fenomeno è stato registrato in particolare a partire da mezzogiorno”. E’ quanto si legge in un post pubblicato sulla fanpage del Comune di Marcianise, diventato unico “organo di comunicazione ufficiale” dopo che il sindaco Antonello Velardi è ‘scomparso’ dai social network. Dopo la fine della ‘zona rossa’ c’è stata una grande invasione delle strade, soprattutto nei pressi dei bar.

“L'amministrazione comunale - continua la nota - aveva vivamente invitato la cittadinanza ad osservare scrupolosamente le norme anti-covid e aveva invocato la convinta collaborazione dei gestori. Tale situazione ha determinato l'intervento della polizia municipale che ha proceduto nella contestazione delle violazioni, in diversi punti della città. Per alcuni di questi esercizi commerciali scatterà da parte della municipale la proposta della chiusura. In ogni caso, verranno esaminate le immagini delle telecamere di sorveglianza cittadina per procedere alle contravvenzioni delle persone che non indossavano la mascherina e/o provocavano assembramenti”.

Ma i provvedimenti potrebbero essere anche ulteriori. “Sulla scorta di quanto è avvenuto stamattina - continua la nota - l'amministrazione comunale sta valutando con la municipale la possibilità di chiudere tratti di strada dove insistono tali esercizi commerciali, così come prevedono le nuove norme nazionali anti-covid. Un piano dedicato sarà elaborato per impedire l'afflusso in quegli esercizi commerciali che sono ai confini tra Marcianise e Capodrise e che stamattina presentavano scene di reiterati assembramenti con il contemporaneo mancato uso delle mascherine. La questione sarà segnalata in Prefettura per l'adozione di provvedimenti specifici nelle strade di confine”.

E conclude: “L'amministrazione comunale rivolge un ulteriore, pressante invito alla cittadinanza ad osservare le norme ribadendo che l'allarme sanitario in città resta alto e che i legittimi interessi degli operatori commerciali e le pur doverose esigenze di vita sociale di tutta la cittadinanza devono essere compatibili con le norme di contenimento del contagio covid. Ogni ulteriore violazione delle stesse vanifica gli effetti derivanti dalla zona rossa che per quasi due settimane ha tenuto bloccato la città determinando le forti proteste di operatori e cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento