rotate-mobile
Attualità

Abusivismo edilizio, a Caserta solo 116 abbattimenti su 887 ordinanze

In Campania fa peggio solo Napoli

La provincia di Caserta è fra le peggiori in Campania per rapporto fra ordinanze di demolizione di immobili abusivi ed effettive demolizioni.

L'abusivismo edilizio, nonostante la crisi edilizia e quella pandemica, si mantiene su livelli preoccupanti. Come riporta l’Ansa, dal 2004 al 2022 il numero delle demolizioni eseguite è stato solo il 13,1% (pari a 3.107) dei 23.635 immobili abusivi per i quali è stato stabilito l'abbattimento da parte dei 110 Comuni che hanno risposto in maniera completa al monitoraggio civico promosso da Legambiente, pari al 20% del campione totale. Alla Campania spetta il record "negativo" per numero di ordinanze emesse in rapporto alla popolazione: dal 2004 al 2022, è stata aperta una pratica per abusivismo edilizio ogni 236,6 abitanti.

Secondo l'ultimo rapporto sul BES (Benessere Equo e Sostenibile) dell'Istat, secondo le stime elaborate in collaborazione con il Cresme, la situazione in Campania rimane "insostenibile", con 50,4 abitazioni costruite illegalmente ogni 100 realizzate nel rispetto delle regole. A scattare la fotografia è il III Report di Legambiente sull'abusivismo edilizio.

La provincia con il migliore rapporto tra ordinanze emesse ed eseguite dai comuni del suo territorio è quella di Benevento (32%) con 462 ordinanze emesse e 148 demolizioni eseguite, segue provincia di Avellino con 1.695 ordinanze di demolizioni emesse e 516 eseguite pari al 30,4%. Salerno con 4.864 ordinanze e 686 eseguite (14,1%). Chiudono Caserta con 887 ordinanze di demolizioni e 116 eseguite (13,1%) e la provincia di Napoli con 15.727 ordinanze e solo 1641 eseguiti pari al 10,4%.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivismo edilizio, a Caserta solo 116 abbattimenti su 887 ordinanze

CasertaNews è in caricamento