menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I colori dei diritti, contro la discriminazione e per una societa' piu' inclusiva

Aversa - . Venerdì 7 novembre alle 17:30 ci sarà il primo incontro del progetto REC (Rights Education Cinema) presso il Nostos Teatro, via J. F. Kennedy 137, Traversa Brodolini 6, Aversa. Gli appuntamenti proseguiranno fino ad aprile 2015 e...

. Venerdì 7 novembre alle 17:30 ci sarà il primo incontro del progetto REC (Rights Education Cinema) presso il Nostos Teatro, via J. F. Kennedy 137, Traversa Brodolini 6, Aversa. Gli appuntamenti proseguiranno fino ad aprile 2015 e vedranno coinvolti 15 giovani dai 15 ai 30 anni. Il progetto REC è finanziato dal programma Youth in Action dell'Unione Europea ed è condotto in partenariato con l'associazione bulgaraForum Science. I temi che vuole portare avanti sono quelli della libertà di opinione/espressione, omofobia e razzismo, raccontati e analizzati attraverso il cinema. Alcuni dei film presi in esami saranno: "The Lady" di Luc Besson, "Milk" di Gus Van Sant, e alcuni cortometraggi contro l'omofobia.Al termine del percorso, i giovani protagonisti, sia in Italia che in Bulgaria, realizzeranno un cortometraggio sugli argomenti presentati. Durante l'ultima fase del progetto, Italiani e Bulgari si incontreranno ad Aversa per conoscersi, confrontarsi e organizzare una rassegna cinematografica che comprenda film europei sulle tematiche approfondite e i cortometraggi prodotti durante gli incontri.
Come riferimento europeo, è stato preso l'art. 21 della Carta di Nizza: "È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l'appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali".Per parlare di discriminazione, l'associazione Patatrac ha scelto di utilizzare metodi di educazione non formale, sua specificità, quali il gioco, e il cinema, in quanto potente mezzo di apprendimento capace di comunicare attraverso le sue storie e trasmettere esperienze da uno all'altro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento