Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

La vigilanza della camorra imposta ai commercianti. L'indagine potrebbe allargarsi I VIDEO

 

Due commercianti costretti a firmare contratti con società di vigilanza "riconducibili" ad Enrico Verso, cognato di Raffaele Bidognetti, da poco divenuto collaboratore di giustizia. E' quanto hanno accertato gli uomini del gruppo dei carabinieri di Aversa guidato dal tenente colonnello Donato D'Amato, che questa mattina hanno notificato 6 ordinanze di custodia cautelare. Dalle indagini è emerso che due commercianti erano stati costretti a firmare contratti di vigilanza con società riconducibili al clan dei Casalesi, fazione Bidognetti. Ma le indagini potrebbero allargarsi: nel corso delle perquisizioni effettuate nelle sedi delle società che sono state sequestrate nell'indagine coordinata dalla Dda, infatti, sono stati acquisiti altre decine di contratti sottoscritti con commercianti tra le province di Caserta e Napoli che adesso saranno vagliati. L'ipotesi è che il clan Bidognetti abbia utilizzato queste società per farsi pagare le estorsioni dai commercianti cercando di agirare la legge. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento