menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il personal trainer campano Giuseppe Farina

Il personal trainer campano Giuseppe Farina

Coronavirus, il grido d'allarme di un personal trainer: "Siamo al collasso"

L'appello di Giuseppe Farina: "Lo sport dilettantistico deve unirsi". Chiesto a tutte le associazioni e società sportive dilettantistiche un documento sull'entità del danno economico registrato

"A causa dell’emergenza coronavirus sono a rischio oltre un milione di persone che, a vario titolo, sono impegnati nei centri fitness e industrie sportive. Il giro d'affari stimato delle attività sportive non agonistiche legate al fitness nel nostro Paese è di oltre 10 miliardi di euro l'anno". A lanciare l'allarme è il noto personal trainer campano Giuseppe Farina (docente federale del Coni, responsabile del settore Fitness e Pesistica dell’Acsi Coni), che ha chiesto a tutte le associazioni e società sportive dilettantistiche di far recapitare tramite mail, ognuno al proprio un documento sull’entità del danno economico registrato, rispetto alla normale attività svolta in un periodo analogo, ma in situazione ordinaria, con particolare riferimento ai mancati ricavi o ai costi aggiuntivi da imputare all’attuale situazione di emergenza in modo che i suddetti enti nazionali possono fare delle richieste ad hoc di aiuto al Governo e al Coni.

"La chiusura di moltissimi centri sportivi, già tragica per i titolari e tutto il personale impegnato in palestre, piscine, scuole di ballo, dismessi in tutto il territorio nazionale, rischia di far collassare uno fra i più importanti network di promozione della salute e sani stili di vita per i cittadini - ha sottolineato Giuseppe Farina - Inoltre comporta pesanti ricadute sull’intera filiera produttiva (aziende che producono: abbigliamento, calzature per il fitness, attrezzature, accessori)".

"Si pensi ai mancati incassi presunti da quote associative e partecipative; alle mancate prestazioni realizzate; ai mancati ricavi da pubblicità e sponsorizzazioni; alle mancate contribuzioni statali o territoriali - ha precisato - L’italia vanta da sempre una grandissima tradizione sportiva di altissimo livello che permette ai grandi campioni di esprimersi e a 20 milioni di persone di qualsiasi fascia d’età di tutelare la propria salute grazie allo sport dilettantistico. Un abbraccio sportivo a tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento