Casertana, buona la prima al Pinto. Silva e Castaldo mettono ko il Rende

Prova tosta dei rossoblu che conquistano la prima vittoria in campionato

La Casertana ha fatto il suo esordio al Pinto contro il Rende (foto di Angela Della Rotonda)

Si torna al Pinto. Esordio casalingo per la Casertana nel campionato 19-20. L’ultima apparizione dei falchetti di fronte al pubblico amico risale al 28 aprile scorso, quando il Potenza venne a strappare il punto al Pinto col pareggio che chiuse definitivamente i giochi nella corsa al quinto posto finale. Un pari che costrinse la Casertana ad iscriversi nella griglia dei play off in seconda linea e con conseguente partecipazione alla TIM CUP di quest’anno con la partenza ad handicap. Successivamente l’estate rossoblù pur senza i patemi d’animo che hanno caratterizzato quelle precedenti ha vissuto momenti di ridotti entusiasmi, purtuttavia non lasciando spazio alla disperazione, anzi proprio in virtù delle ridimensionate ambizioni, ora la Casertana può affrontare l’immediato futuro con assoluta serenità, in ossequio al detto ‘salvezza subito e quel che viene in più è tutto guadagnato’. Si torna al Pinto, quindi, che dovrà rappresentare il fortino sul quale costruire il progetto. Lo sanno bene i calciatori, vecchi e nuovi, lo sanno i tifosi, decisi più che mai a dare il proprio contributo affinché un cammino presentato senza grossi obiettivi possa comunque fornire la dignità necessaria per un campionato che comunque si vuol vivere da protagonisti. Due le partite giocate in anticipo rispetto a Casertana-Rende: nella prima la Ternana ha battuto il Potenza e nell’altra il Picerno ha avuto ragione del Rieti.

LE SCELTE. Ginestra conferma per 10/11 i reduci di Potenza, immettendo nell’undici iniziali il solo Silva mentre Paparusso si accomoda in panchina; con lui anche gli esterni bassi di domenica scorsa Ciriello e Gonzalez. Niente staffetta tra Starita e Laaribi, a differenza del Viviani e le chiavi del centrocampo sono appannaggio ancora di Santoro. Nessuna variazione rispetto ad otto giorni fa per il Rende col 4-2-3-1 che ha subito la sconfitta interna ad opera del Bisceglie.

PRIMO TEMPO. La Casertana parte bene con un discreto approccio alla gara. Il primo squillo è D’Angelo che dal limite, raccolta una palla respinta in seguito ad azione d’angolo, spara di poco alla destra di Borsellini. Al 12’ i falchetti protestano a lungo per una azione dubbia. In seguito a calcio di punizione di Zito si sviluppa una mischia nei pressi della linea di porta e il tap in di Castaldo viene allontanata dalla difesa del rende prima – a detta dei direttori di gara – di aver varcato la soglia fatale. Ma il gol è solo rinviato di qualche istante: su calcio di punizione - questa volta da destra - di Laaribi c’è imperiosa inzuccata di Silva che piega le mani al portiere e mette dentro. La Casertana non si culla sul vantaggio acquisito e continua a premere guadagnando in 20’ ben cinque angoli, sull’ultimo dei quali la palla buona capita sui piedi di Castaldo che però da buona posizione spara di poco alto. La serie dei corner non si interrompe e solo con un sostenuto affanno la difesa del Rende riesce a contenere la sfuriata rossoblù. Il Rende si va vivo intorno alla mezz’ora con una azione ben congegnata che termina però con un cross in area piccola dove Libertazzzi però non è puntuale all’appuntamento con la deviazione sottomisura. Nel finale di tempo il Rende prende un po’ di coraggio ma le sue velleità si esauriscono con due tentativi – Origlio su punizione e Germinio da fuori – entrambi facile preda di Crispino. Al 41’ Casertana di nuovo avanti con uno scambio veloce D’Angelo-Starita con conclusione di quest’ultimo che lambisce il palo alla destra di Borsellini. Allo scadere del primo tempo un pregevole assist di Castaldo manda Longo a tu per tu col portiere avversario; il dribbling e la palla depositata in rete vengono vanificate dalla posizione irregolare dell’ex Bisceglie. Si va al riposo con il minimo vantaggio per i falchetti ma con la convinzione che questa Casertana possa essere abbastanza concreta per portare a casa la vittoria. All’intervallo delle altre partite che si giocano in concomitanza non mancano le sorprese: il Bari soccombe in casa al cospetto della Viterbese (0-1), mentre il Bisceglie conduce sul Catanzaro con lo stesso punteggio. Il Catania recupera l’iniziale svantaggio interno del Francavilla (1-1) mentre la Reggina dilaga (3-1) sulla Vibonese.

SECONDO TEMPO. La ripresa presenta gli sstesssi protagonisti del primo tempo ma dopo 5’ Andreoli opta per due sostituzioni inserendo Blaze e Coly – ultimo arrivato dalla Primavera della Roma – per dare maggiore spessore alla manovra. Dopo una mezza dozzina di minuti anche Ginesta effettua un cambio, facendo debuttare in maglia rossoblù Danilo Paparusso ed accentrando di qualche metro Zito. La partita si infiamma improvvisamente con alcune ripartenze veloci dall’una e dall’altra parte su due delle quali ci sono delle proteste su entrambi i fronti per presunti falli da rigore, puntualmente ignorati dal direttore di gara. Al 18’ Crispino deve prodursi sul primo intervento di un certo spessore per deviare in angolo un insidioso colpo di testa di ampollini appostato sul secondo palo. Su capovolgimento di fronte l’ennesimo corner per la Casertana, battuto da Zito trova sul vertice opposto Castaldo il cui diagonale è chirurgico e va ad infilarsi nell’angolino alla sinistra di Borsellini. La reazione ospite è nei piedi di Libertazzi che si procura un bel tiro che però si va a stampare sulla traversa di Crispino. Al 28’ c’è la percussione di Zito che entra in area di rigore e spara tutta la sua rabbia sul portiere avversario che si oppone con il corpo. Alla mezz’ora ancora sugli scudi Crispino, chiamato a deviare in angolo un gran tiro dalla distanza di Origlio. Gli ultimi minuti vedono la Casertana tenere a bada le velleità ospiti e la manovra riesce, non si registrano ulteriori pericoli per nessuno dei due portiere e con una certa tranquillità i falchetti portano a casa i primi tre punti della stagione.

CASERTANA-RENDE 2-0

CASERTANA (3-5-2): Crispino; Clemente. Silva, Rainone (79’ Gonzalez); Longo, D’Angelo, Santoro, Laaribi (58’ Paparusso), Zito (89’ Varesanovic); Starita (89’ Floro Flores), Castaldo. A disp. Zivkovic, Galluzzo, Cavallini, Ciriello, Matese, Lezzi, Gambino, Longobardo. All. Ginestra

RENDE (4-2-3-1);:Borsellini; Germinio (51’ Blaze), Ampollini, Bruno, Origlio (93’ Achik); Loviso, Collocolo; Morselli (66’ Giannotti), Scimia (51’ Coly), Vivacqua; Libertazzi. A disp. Savelloni, Palermo, Cipolla, Achik, Bonetto, Giannotti, Vigolo, Murati. All. Angelo Andreoli

ARBITRO: Mario Davide Arace di Lugo di Romagna (Fabio Pappagallo di Molfetta e Lucia Abbruzzese di Foggia) RETI: 15’ Silva; 66’ Castaldo

NOTE: pomeriggio nuvoloso ed afoso; terreno in buone condizioni; spettatori 2500 circa di cui 900 abbonati e una mezza dozzina di tifosi giunti dalla Calabria; angoli 12-4 per la Casertana; ammoniti Laaribi, Santoro, Libertazzi, Bruno, Zito, Giannotti, Floro Flores, Blaze; recupero 1’ e 5’

SECONDA GIORNATA – I RISULTATI Bari - Viterbese 1-2 Bisceglie - Catanzaro 1-1 Casertana - Rende 2-0 Catania - V. Francavilla 2-1 Paganese - Monopoli 2-0 Picerno - Rieti 2-1 Reggina - Cavese 3-1 Teramo - Sicula Leonzio rinviata Ternana - Potenza 1-0 Vibonese – Avellino 0-1

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA CLASSIFICA Catania 6 Ternana 6 Viterbese 6 Reggina 4 Picerno 4 Casertana 3 Avellino 3 Bari 3 Catanzaro 3 Potenza 3 Bisceglie 3 Paganese 3 Monopoli 3 Cavese 1 V. Francavilla 1 Vibonese 0 Rende 0 Rieti 0 Sicula Leonzio 0 Teramo 0

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lieve aumento dei contagi nel casertano: ecco i comuni più colpiti della seconda ondata

  • Scuole, il 24 e 25 settembre sarà sciopero: si teme nuovo rinvio dell'apertura

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

  • Terremoto a 24 ore dalle elezioni. Candidato sindaco indagato per voto di scambio: "Accuse da mitomani"

  • Record di nuovi contagi nel casertano: mai così tanti in un giorno

  • Nuovo boom di contagi nel casertano, ma crescono anche i guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento