menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casertana, testa alla Viterbese: riscattare la 'farsa' dell'andata. Ternana in B, Cavese quasi in D

Parte la volata per il secondo posto tra Avellino e Bari

Nessuna sorpresa dall’uovo di Pasqua: chi aveva ipotizzato un calo di tensione della Ternana, arrivata ormai a tagliare il traguardo è stato smentito e dopo aver battuto sia in casa che in trasferta il Bari gli umbri si sono ripetuti anche con l’Avellino, bissando cin un più sonante 4-1 il blitz del Partenio-Lombardi. In parole povere è stata conclamata una supremazia che i galletti pugliesi avevano cercato di arginare nel girone di andata e gli irpini in quello di ritorno. I rossoverdi di Cristiano Lucarelli hanno confortato la loro vittoria con numeri impressionanti e con record a ripetizione: 80 gol realizzati in 32 partite giocate (ne restano ancora 4); 24 reti subite, un numero considerevole di calciatori (19) andati a rete; 26 vittorie, 6 pareggi, una sconfitta; numeri ancora suscettibili di miglioramento con le quattro gare ancora da disputare. Come non bastasse la Ternana piazza – allo stato – i primi due della classifica dei marcatori (Falletti e Partipilo) col primo che a parere unanime di tutti gli addetti ai lavori eletto il miglior calciatore di tutta la Serie C. Tre anni, dall’ultima retrocessione in Serie C in cui la società ha investito e programmato il ritorno in cadetteria, risultato raggiunto con pieno merito e senza dover ricorrere (senza voler sminuire l’impresa della Reggina nella scorsa stagione) a campionati interrotti o affidarsi ai play off. Praticamente la Ternana ha lasciato le briciole agli avversari, chiamati ora a fare i conti col rush finale di un campionato anomalo peer posizionarsi al meglio nella griglia play off. La 33esima giornata sarà ricordata quindi come quella della promozione in B della Ternana, ma altri risultati significativi rendono più chiara una classifica che si avvia verso la sua definizione. Sono 18 le reti realizzate, di cui una su rigore, che vede il ritorno al gol del barese Antenucci dopo un digiuno durato ben 12 turni; ma per quanto riguarda i penalty c’è da registrare ben tre errori dal dischetto: Kanuté del Palermo ha centrato il palo alla destra del casertano Avella; Baclet del Potenza si è visto respingere il tiro da Farroni e il cavese Kucich ha fatto altrettanto sul tentativo di Vazquez. Nessuna doppietta, ma c’è il tris di Lorenzo Lucca che piega la Casertana. Finora erano state solo due le imprese simili, quella di Cuppone ai danni del Francavilla alla 28^ giornata e di Marotta della Juve Stabia sulla Turris due turni dopo. Da notare che nell’occasione sua Cuppone che Luca avrebbero avuto la possibilità del poker ma entrambi hanno ceduto il rigore rispettivamente a Turchetta e Kanuté.

SI LOTTA PER IL SECONDO POSTO. Con la Ternana che ha salutato tutti, l’interesse in vetta si sposta sulla corsa al secondo posto con Avellino, Bari e Catanzaro che aspirano alla piazza d’onore. In teoria anche Catania e Juve Stabia matematicamente potrebbero raggiungere l’obiettivo ma appare abbastanza arduo conquistare i dodici punti a disposizione con l’Avellino che dovrebbe rimanere a bocca asciutta. Qualcosa di più al riguardo se ne saprà sabato prossimo quando in Irpinia è programmato lo spareggio tra Avellino e Bari, mentre il Catanzaro dovrà respingere l’assalto della Juve Stabia.

LA CORSA PLAY OFF. Proprio il Catania e la Juve Stabia si giocano il pur prestigioso quinto posto che consentirebbe di evitare la prima tornata dei play off. Le difficoltà degli impegni che interessano le due squadre sono quasi equivalenti, ma i siciliani potrebbero trarre qualche sottile vantaggio nel caso la giustizia sportiva annulli la penalizzazione a suo tempo inflitta e mercé la quale i rossoazzurri hanno viaggiato per tutto l’arco del campionato con due punti in meno. Penalizzazione già ridotta da 4 a due punti, ma che gli etnei hanno nuovamente impugnato proprio in virtù dell’accoglimento della prima istanza che danno fiato alle speranze di un totale annullamento. Posizioni pressocché delineate per le altre cinque posizioni che danno accesso alla post season. Palermo e Casertana (rispettivamente nono e decima) vantano un credito con la classifica sulla scorta del recupero da disputare contro il Monopoli (entrambi) e Foggia, ma anche i satanelli hanno qualcosa come due match da recuperare, mentre il Teramo può contare su tre impegni su quattro abbastanza abbordabili (Cavese, Bisceglie e Viterbese) per blindare il leggero vantaggio ribadito dalla recente vittoria sulla Turris.

LA VIBONESE QUASI SALVA. Al Francavilla restano solo tre partite da disputare e quindi appare improbabile una sua rimonta sulla Casertana, tanto più che affronta compagini con assoluto bisogno di punti per centrare i rispettivi obiettivi. La Cavese ha perso forse l’ultima opportunità di agganciare i play out: i 15 punti di handicap rispetto alla Vibonese impediscono alla squadra di affidare ulteriori speranze di agganciare la post season. L’aria è veramente pesante a Cava de’ Tirreni e la squadra sembra non trovare le motivazioni giuste per risalire la china. Al punto tale che la società ha sollevato dall’incarico l’allenatore Salvatore Campilongo, il direttore sportivo Francesco Lamazza ed il responsabile dell’area tecnica Antonio Shetter. In panchina torna Vincenzo Maiuri che aveva già guidato i blufoncé Vincenzo Maiuri che aveva già guidato la squadra dall’11^ alla 17^ giornata racimolando tre pareggi e 4 sconfitte. Chissà se basterà per risalire la china nelle cinque partite restanti. In caso negativo l’unico spareggio in programma per la salvezza sarà quello che vedrà impegnate Bisceglie e Paganese che puntano a fare quanti più punti possibili per ottenere il platonico miglior piazzamento.

CASERTANA TESTA ALLA POST SEASON. I falchetti hanno sprecato una grossa possibilità sabato scorso di mettere un ulteriore mattone importante su una stagione più che rispettabile. Sicuramente è stato migliorato il piazzamento della scorsa stagione, conquistando una salvezza con abbondante anticipo e soprattutto raddrizzando un percorso che nel girone di andata sembrava a dir poco disastroso. La sconfitta col Palermo nulla toglie ai meriti di una squadra che nonostante tante traversie ha tenuto testa per gran parte di gara ad una più blasonata avversaria. Ora i falchetti si sono sistemati al decimo posto, piazzamento che oltre ai play off garantisce la partecipazione alla prima fase della TIM Cup e la posizione no sembra attaccabile dalle inseguitrici, la prima delle quali è diventata la Virtus Francavilla. I pugliesi sono distanti 4 punti e devono disputare solo tre partite, per cui alla Casertana basta conquistare cinque punti nelle restanti cinque partite da disputare per mettersi al riparo da qualsiasi sorpresa. Monopoli, Viterbese e Paganese (in casa) non dovrebbero costituire ostacoli insormontabili per raggiungere l’obiettivo anche se la Casertana – autentica mina vagante del girone di ritorno – non è nuova ad imprese in trasferta considerato che il Massimino di Catania è stato teatro di recenti lusinghieri successi per la squadra rossoblù. E mentre i ragazzi di Guidi cercano l’exploit in società si continua alacremente a costruire il futuro. Recenti voci circolate in città hanno cercato di minare la situazione dello stadio, ancora una volta il presidente D’Agostino è dovuto intervenire immediatamente per fugare qualche dubbio sollevato da qualcuno. Alea iacta est e la conferma che il nuovo Pinto – nei tempi dovuti – vedrà la posa della prima pietra ha tranquillizzato tutti.

I BOMBER. La giornata di Sabato Santo ha visto il risveglio dei migliori marcatori del campionato. Sono andati a segno quasi tutti, da Falletti a Partipilo, da Antenucci a Cuppone, da Giannone a Marotta, fino a Lucca che col suo tris al Pinto ha guadagnato la copertina della settimana. I nuovi ingressi in classifica sono determinati dal difensore Buschiazzo della Casertana e dall’attaccante Alma della Turris.

COSI’ DOMENICA. La 35^ giornata mette in vetrina il big match tra Avellino e Bari, come detto autentico spareggio per conquistare il secondo posto. La gara è programmata sabato pomeriggio alle 17,30, mentre alle 15 andrà in scena Palermo-Vibonese; quattro le partite di domenica alle 15 tra le quali Monopoli-Paganese, coi pugliesi che dovrebbero tornare in campo dopo il lungo periodo di inattività per Covid. L’altra realtà afflitta attualmente dalla pandemia, il Foggia, osserva il suo turno di riposo. La Casertana, unitamente alle telecamere di Rai Sport, raggiungerà Viterbo dove lunedì sera dove si giocherà il posticipo del monday night.

34^ GIORNATA – I RISULTATI

Casertana - Palermo       2-3                

Catania - Viterbese          1-0             

Catanzaro - Bisceglie       1-0             

Foggia - Monopoli            rinviata             

Potenza - Juve Stabia      0-2           

Teramo - Turris                2-1             

Ternana - Avellino            4-1           

V. Francavilla – Cavese   1-0         

Vibonese - Bari               0-1

             riposa Paganese

LA CLASSIFICA

Ternana                 81

Avellino                  63

Bari                        59

Catanzaro              58

Catania (-2)            52

Juve Stabia            52

Foggia                   47

Teramo                  45

Palermo                 42

Casertana              41

V. Francavilla         37

Viterbese                36

Turris                     35

Potenza                 35

Monopoli                34

Vibonese                31

Paganese               27

Bisceglie                24

Cavese                  16

Trapani                  escluso

I MARCATORI

16 reti Falletti (Ternana, 5 rig.)

15 reti Partipilo (Ternana)

13 reti Cianci (Bari-Potenza, 3 rig.)

          Lucca (Palermo)

Antenucci (Bari

12reti  Cuppone (Casertana)

12reti  Curcio (Foggia)

Plescia (Vibonese)

Giannone (Turris, 1 rig.)

PROSSIMO TURNO

(mercoledì 7 aprile)

Monopoli-Palermo             ore 15

Ternana-Cavese               ore 15

(domenica 11 aprile)

Avellino - Bari                  sabato 17,30               

Bisceglie - V. Francavilla  17,30     

Catania - Potenza            ore 15              

Cavese - Teramo             ore 12,30               

Juve Stabia - Catanzaro ore 15          

Monopoli - Paganese       ore 15             

Palermo - Vibonese         sabato ore 15              

Turris - Ternana               ore 15             

Viterbese - Casertana      lunedì ore 21

             riposa Foggia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento