rotate-mobile
Basket

La Juvecaserta cade a Teramo: si va a gara 5

Al palaPiccolo l'ultima sfida della serie per la serie B nazionale

Sarà gara5 di mercoledì sera al palaPiccolo di Caserta a decidere chi tra la Ble Decò e la Teramo a spicchi disputerà la prossima stagione il campionato di serie B nazionale. La squadra casertana non è, infatti, riuscita a chiudere la serie sul campo abruzzese e dovrà ora cercare nell’ultima e decisiva gara stagionale di raggiungere l’obiettivo della permanenza nella terza serie nazionale.

Sempre priva di Sperduto rimasto a Caserta dopo l’attacco influenzale che lo ha colpito alla vigilia di questa trasferta in terra abruzzese, la Ble Decò ha cercato in tutti i modi di superare l’arcigna difesa della squadra locale che ha trovato in Calbini il maggiore protagonista di un successo che i teramani si sono guadagnati sapendo sfruttare nel migliore dei modi gli episodi a loro favore.

La tensione dei vari protagonisti in campo si è fatta sentire in avvio di gara con le due squadre che hanno impiegato quasi due minuti per mettere a segno il primo canestro ad opera di Casoni. È stato Ndoja a mettere i primi due punti dei bianconeri che, però, hanno, poi, subito un parziale di 5-0 ad opera di Guastamacchia e Perin (7-2).  Romano e Lucas hanno ricucito lo strappo, ma Teramo ha continuato a condurre, anche se con scarti minimi. Cinque punti di Mei e due liberi di Visentin hanno dato alla Ble il primo vantaggio, ma Perin è stato bravo a sfruttare l’ultimo possesso in suo favore per chiudere il parziale sul 17-16.

Il secondo quarto è stato contraddistinto da un buon avvio dei casertani che hanno sfruttato il gioco vicino a canestro per portarsi decisamente in vantaggio grazie alle realizzazioni di Visentin e Drigo, che ha chiuso un parziale di 11-0 a favore degli ospiti. Teramo ha realizzato il suo primo punto del quarto dalla linea della carità con Calbini dopo 4’48”, ma ha continuato a subire sia la difesa che il gioco offensivo dei bianconeri che hanno mantenuto quasi sempre la doppia cifra di vantaggio, che Perin è riuscito a ridurre con una tripla nell’ultima azione del periodo (26-33).

Il ritorno in campo ha visto tanti errori in attacco dei casertani con Teramo che ne ha approfittato per mettere a segno un break di 12-5 che ha rimesso la gara sul piano della peretta parità (38-38). Ed in equilibrio si è continuato a giocare con Guastamacchia che ha sfruttato un assist di Galipò per dare alla sua squadra l’opportunità di chiudere con un possesso di vantaggio (45-43).

Ultimo quarto quanto mai intenso con le due squadre a darsi aperta battaglia. La Ble Decò ha avuto due volte un vantaggio di 5 punti (47-53, 51-56), ma non è riuscita ad ampliare il divario anche per alcuni episodi sfavorevoli, che hanno consentito a Teramo di rimettere la gara in equilibrio (56-56, 65-65). Calbini non ha fallito il tiro dalla distanza (68-65) ed è stato, poi, precisissimo dalla lunetta. L’aggressività dei locali ha prodotto alcune palle perse e Teramo è riuscito a prendere due possessi di vantaggio che ha portato fino alla sirena finale (72-66).

Teramo a Spicchi 2K20 - Ble Decò Juvecaserta 72-66 

(17-16, 26-33, 45-43)

Teramo a Spicchi 2K20: Calbini 23 (2/3, 2/6), Di donato 17 (3/4, 3/6), Casoni 12 (4/5, 0/4), Perin 11 (2/5, 2/7), Guastamacchia 5 (1/1, 1/4), Galipò 4 (2/3, 0/4), Melchiorri 0 (0/2, 0/1), Sacchi 0 (0/2, 0/2), Cianci 0 (0/1, 0/0), Ferri ne, Di febo ne. Allenatore: Gabrielli

Ble Decò Juvecaserta: Drigo 17 (2/3, 2/6), Ndoja 12 (2/5, 0/4), Mei 12 (1/1, 3/5), Visentin 7 (3/5, 0/0), Romano 6 (3/4, 0/0), Lucas 5 (1/7, 1/2), Mastroianni 5 (1/3, 1/4), Sergio 2 (1/2, 0/1), Cioppa 0 (0/0, 0/2), Eugenio Cortese ne. Allenatore: Luise

Arbitri: Berger e Gai di Roma

Teramo: tiri da 2 14/26 (54%), da 3 8/34 (24%), liberi 20/27 (74%), rimbalzi: 31 7 + 24 (Casoni 8), assist: 12 (Galipò 5)

Caserta: tiri da 2 14/30 (47%), da 3 7/24 (29%), liberi 17/20 (85%), rimbalzi: 35 6 + 29 (Sergio 9), assist: 9 (Lucas 4)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Juvecaserta cade a Teramo: si va a gara 5

CasertaNews è in caricamento