menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pazienza: Siamo ambiziosi ma dobbiamo proseguire con umilt

Castel Volturno - "Abbiamo grandi ambizioni ma il nostro segreto deve essere l'umiltà". Michele Pazienza è saggio in campo quanto lo è nelle esternazioni dei suoi pensieri. Il centrocampista azzurro è certamente una delle realtà più importanti...

"Abbiamo grandi ambizioni ma il nostro segreto deve essere l'umiltà". Michele Pazienza è saggio in campo quanto lo è nelle esternazioni dei suoi pensieri. Il centrocampista azzurro è certamente una delle realtà più importanti dell'attuale panorama nazionale, ma resta attaccato alla bella realtà rappresentata dal momento felice Napoli.

Michele, vi aspettavate di essere così in alto in classifica?
"Siamo felici indubbiamente di come sta progredendo la squadra, ma sarebbe assolutamente un errore guardarci intorno. E' presto per parlare di classifica. Noi dobbiamo solo pensare a noi stessi e fare al massimo ciò che siamo capaci di esprimere. Il nostro comportamento in campo è la risultante del lavoro fatto in settimana. Guardare in casa d'altri o fare tabelle sarebbe solo una dispersione di energie".

Però questa squadra sta creando tanto entusiasmo...
"Capisco che adesso l'entusiasmo sta crescendo e noi ne siamo anche lieti. Guai se non avessimo ambizioni, saremmo giocatori piatti non adatti ad una grande piazza quale è Napoli. Però è prematuro stilare giudizi. Noi ci sentiamo consapevoli e fiduciosi dei nostri mezzi. Vogliamo dimostrare di potercela giocare con tutti, ma sempre con motivazioni e giusta mentalità".

Probabilmente il difficile viene adesso...
"Sì. E' così e lo sappiamo. L'anno scorso abbiamo conquistato un obiettivo esaltante e adesso sarà ancora più arduo ripetersi e migliorare. Le squadre ti conoscono, ti rispettano e studiano le tue mosse. Bisogna stare sempre all'erta, essere sul pezzo e curare i minimi dettagli. E' nei particolari che si fa la differenza"

Come stai vivendo questa tua escalation personale?
"Mi fa piacere che ci siano giudizi positivi e li prendo come un complimento ed uno stimolo. Di certo la continuità di gioco mi sta aiutando a trovare il top della condizione. In passato giocavo meno partite consecutive e lo soffrivo anche fisicamente. Ma in assoluto la svolta è stata la fiducia che il mister ha dato a me ma anche a tutti i ragazzi del gruppo affinchè ognuno di noi potesse esprimersi al meglio".

Come state valutando il turnover?
"Io credo sia necessario e ritengo importante che tutti possano portare il proprio contributo ad una stagione così impegnativa. Ruotare e distribuire al meglio le energie è il modo migliore per dare il massimo. Tra l'altro i nuovi arrivati si stanno integrando benissimo e hanno fatto un rodaggio che li ha messi al passo con il resto della rosa".

Se dovessi scegliere una qualità di questo Napoli, su cosa punteresti?
"Sul gruppo. Questo è uno spogliatoio che ha un grande equilibrio tra giocatori esperti, che tengono un po' le fila, e giovani ambiziosi ed entusiasti. La nostra forza è questa. Io credo che il Napoli abbia una buona rosa con 3-4 giocatori che possono fare la differenza e con un gruppo che dà una spinta fondamentale all'economia generale. L'importante adesso è tenere il giusto profilo. Non possiamo certo permetterci di pensare come una big. Dobbiamo avere una mentalità da grande, ma allo stesso tempo ragionare come se fossimo una piccola e restare saldi alla realtà".

Ci pensi alla Nazionale?
"Io vado avanti per la mia strada. Questo non vuol dire che non sogni la Nazionale, è ovvio che mi piacerebbe essere convocato, ma onestamente penso a lavorare bene ed a proseguire al meglio questo mio percorso con il Napoli. Sto bene qui, c'è grande fiducia e stima reciproca tra me e la Società ed abbiamo in animo di proseguire anche in futuro questo bel rapporto"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento