menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Supercoppa, trionfo Juventus che straccia la Lazio: 4 a 0

(Roma) La Juventus festeggia la vittoria in Supercoppa TIM, bissando il successo dello scorso anno. Per il club bianconero si tratta del sesto trofeo messo in bacheca, dopo i tre conquistati all'estero (2002 contro il Parma a Tripoli, 2003 contro...

(Roma) La Juventus festeggia la vittoria in Supercoppa TIM, bissando il successo dello scorso anno. Per il club bianconero si tratta del sesto trofeo messo in bacheca, dopo i tre conquistati all'estero (2002 contro il Parma a Tripoli, 2003 contro il Milan a New York, 2012 a Pechino con il Napoli) e le due affermazioni casalinghe contro Parma (1-0 nel 1996) e Vicenza (3-0 nel 1997). Quella sulla Lazio è la prima vittoria in Italia lontano dalle mura amiche, ed anche la più larga di risultato ottenuta dai bianconeri, che ora raggiungono il Milan in vetta all'Albo d'Oro della competizione.
n una bella cornice di pubblico (57mila spettatori presenti) la Juventus conquista la sesta Supercoppa TIM della propria storia superando 4-0 la Lazio allo Stadio Olimpico di Roma. I bianconeri raggiungono quindi il Milan in vetta all'Albo d'Oro della competizione con sei successi, quattro dei quali ottenuti lontano dalle mura amiche.
Conte schiera la Juventus con il 3-5-2, con Tevez a fianco di Vucinic in attacco e il trio Marchisio-Pirlo-Vidal in mezzo al campo, Petkovic risponde con un 4-2-3-1 in cui Candreva, Hernanes e Lulic giostrano a supporto dell'unica punta Klose.
La prima conclusione della gara arriva già al secondo minuto, ma Ledesma non impensierisce Buffon dal limite. Non passano neanche sessanta secondi e la Juventus risponde con Vucinic che da sinistra spara in alto sopra la traversaEpisodio determinante al 20', quando Marchisio, infortunato, viene sostituito da Pogba, uno degli uomini annunciati più in forma. Proprio il francese, infatti, dopo tre minuti dall'ingresso sul terreno di gioco, conclude a rete uno schema su punizione battuta da Pirlo.La Lazio risponde intorno alla mezz'ora con un cross pericoloso di Candreva che taglia tutta l'area bianconera senza che nessun compagno riesca a intervenire. C'è ancora il tempo per vedere una bella deviazione in angolo di Buffon su conclusione di Radu da fuori e le squadre rientrano nello spogliatoio.

La partita vive il momento decisivo nei cinque minuti della ripresa che vanno dal 52' al 56', nei quali la Juventus dilaga segnando tre gol. Al 52' da un calcio d'angolo della Lazio la Juventus riparte dalla propria area nel più classico dei contropiedi, con Lichtsteiner che percorre quaranta metri palla al piede prima di servire in area il liberissimo Chiellini che deposita facilmente in porta per il raddoppio. Passano solo due minuti e la Juventus chiude la partita, con Vucinic uomo assist che serve ancora il centrocampista svizzero, abile a tagliare la difesa laziale presentandosi da solo davanti a Marchetti, superato con un tiro rasoterra di esterno destro.
La Lazio accusa il doppio colpo e capitola nuovamente al 56', permettendo a Tevez, dopo prolungata azione di Pogba, di siglare il primo gol ufficiale in maglia bianconera che sancisce, al 56', la fine virtuale del match. I restanti minuti trascorrono senza altre grandi occasioni, con Klose che prova a segnare per la prima volta ai bianconeri e la Juventus che attende il fischio finale di Rocchi per festeggiare il bis consecutivo in Supercoppa TIM insieme ai propri tifosi, accorsi numerosi a Roma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento