rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Politica Aversa

Il commissario del Pd convoca vertice in vista delle elezioni comunali

Marino ha indetto una riunione per fare il punto della situazione

È in programma per martedì 16 gennaio un incontro del Partito Democratico di Aversa convocato dal commissario cittadino Eugenio Marino per fare il punto della situazione a quattro mesi dalle elezioni amministrative.

Il Pd al momento è totalmente assente dalla scena politica cittadina e solo la convocazione di questo incontro ha smosso i democratici normanni dal pantano nel quale si sono ritrovati. Eppure fino allo scorso ottobre il Pd era il primo partito di maggioranza e con il sindaco Alfonso Golia. Adesso, invece, si è ridotto a pochi (e scontenti) componenti che fanno capo al parlamentare Stefano Graziano. È solo di pochi giorni fa una pre-riunione presso lo studio di Carlo Girone per organizzare l’incontro in programma domani. A far rumore le assenze di Elena Caterino e di Erika Alma che, di fatto, avrebbero preso le distanze dall’area Villano-Graziano.

Presenti, invece, gli ex consiglieri comunali Vincenzo Angelino, Pasquale Fiorenzano, Maria Vittoria D’Alterio e gli ex assessori Marco Villano e Marco Girone. Proprio Villano a margine del vertice ha ribadito come la linea da seguire sia quella di "ripartire da quanto di buono è stato prodotto dalla precedente amministrazione ma evitando di ripetere gli errori politici commessi". Il riferimento è alla vicenda 'Romano' ma anche ai consiglieri eletti in maggioranza e passati, poi, in opposizione che hanno di fatto posto fine all'amministrazione prima della fine del mandato.

All’incontro, comunque, è spiccata la presenza di Michele Sabia, dipendente comunale e capo di gabinetto dell’ex sindaco Alfonso Golia, che sarebbe intenzionato a far candidare la moglie, e l’ex assessore Mario de Michele. Per entrambi si tratterebbe di un ‘tradimento’ nei confronti dell’ex sindaco per aderire alla corrente Graziano.

E proprio da questa area arriverebbe anche il tentativo di depotenziare l’ex capogruppo del gruppo ‘La Politica che serve’ Mimmo Menale, coinvolgendo pezzi della stessa famiglia. Presente, infatti, all’incontro della scorsa settimana Giuseppe Menale, architetto che ha avuto negli anni diversi ruoli chiave in un ente strumentale e Lucio Pizzorusso, architetto e marito di Teresa Gordon anche lei imparentata con Menale. Insomma una strategia, quella che starebbe mettendo in campo il Pd, per provare ad isolare totalmente l’ex sindaco Alfonso Golia.

Ma è proprio l’ex sindaco che, silente in questo momento, starebbe facendo posizionare le persone a lui più vicine in diverse liste civiche per occupare eventuali seggi in consiglio ed essere determinante nelle politiche della futura amministrazione. Nel frattempo si prepara per le prossime regionali costruendo una rete territoriale per provare a superare il dualismo Graziano - Oliviero all’interno del Pd.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commissario del Pd convoca vertice in vista delle elezioni comunali

CasertaNews è in caricamento