rotate-mobile
Politica Capodrise

Dimissioni sindaco: "Si preferisce il commissariamento alla strada del confronto"

Durissima nota dei consiglieri di Siamo Capodrise: "Da parte nostra nessun ostruzionismo all'attività dell'amministrazione"

"Nessun ostruzionismo. Ora si rischia paralisi per quasi un anno". Lo evidenziano i consiglieri del gruppo "Siamo Capodrise" commentando le dimissioni del sindaco Vincenzo Negro rassegnate in seguito alla frattura interna allo stesso gruppo di maggioranza. 

"Le dimissioni giungono nel pieno di ciò che doveva essere un serio confronto, tutto interno alla maggioranza che sostiene l'Amministrazione comunale. Lo scopo delle critiche, legittimamente mosse da parte dei consiglieri di maggioranza e dal Coordinamento Politico dell’Associazione “Siamo Capodrise”, era quello di stimolare il primo cittadino ad affrontare le difficoltà e i problemi di questa amministrazione, che sono sotto gli occhi di tutti, al fine di consentire al paese, finalmente, di spiccare il volo. Tuttavia, il sindaco ha ritenuto di interpretare le critiche come semplici e bieche accuse, e, di conseguenza, ancora una volta, ha preso una decisione senza condividerla con la sua stessa maggioranza ed, anzi, ha scelto la strada di accuse ed offese senza fondamento e non provabili, a differenza dei fatti riportati dai consiglieri e dal coordinamento politico", si legge in una nota di Siamo Capodrise.

Ma è sui motivi che avrebbero spinto Negro a gettare la spugna - i "numerosi ostacoli posti in essere dagli stessi Componenti della Maggioranza" - che i consiglieri vogliono fare chiarezza.  "Noi - proseguono - Affermiamo, con forza, che nessuno dei consiglieri di “Siamo Capodrise” ha mai “ostacolato” i lavori dell’Amministrazione. Citiamo alcune occasioni in cui i consiglieri hanno dimostrato tutta la loro fiducia e collaborazione nei confronti del Primo Cittadino: voto favorevole al bilancio di previsione 2022 senza averlo prima adeguatamente condiviso; voto favorevole al consuntivo 2021 votato nonostante le imperfezioni dello stesso e poi riconosciute dal Tar Campania che ha annullato la delibera di Consiglio Comunale; e per ultimo il consuntivo 2022, a cura del Commissario Prefettizio, approvato con il nostro voto favorevole, per senso di responsabilità, che ha, comunque, certificato il fallimento della gestione economico finanziaria dell'Ente. Ci chiediamo quindi: di quale ostruzionismo mai parla il Primo Cittadino? Il Sindaco Negro ha goduto della più grande fiducia e lealtà da parte dei consiglieri della sua maggioranza che tutti i capodrisani ricordino".

Continuando a scorrere le motivazioni delle dimissioni del Sindaco si legge di “ambizioni e personalismi anteposti rispetto all’interesse della Città di Capodrise”. "A questa ultima affermazione - concludono - rispondiamo con una sola domanda: Chi ha preferito abbandonare Capodrise a se stessa, unilateralmente, condannandola a quasi un anno di commissariamento, il che equivale ad un anno pressoché di immobilismo, piuttosto che affrontare e risolvere i problemi?". Qualcuno dovrà spiegare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimissioni sindaco: "Si preferisce il commissariamento alla strada del confronto"

CasertaNews è in caricamento