rotate-mobile
Economia

Caserta è la seconda città d'Italia con l'inflazione più bassa

A certificarlo è la classifica stilata dall'Unione consumatori con i dati Istat

Caserta si conferma sul podio delle città italiane dove i rincari dovuti dall’inflazione sono tra i più bassi. Il capoluogo di provincia campano si piazza infatti al secondo posto del ‘ranking’ elaborato dall’Unione nazionale consumatore in base ai dati forniti dall’Istat, guadagnando una posizione rispetto a settembre. 

Davanti a Caserta, in termini di spesa aggiuntiva più bassa, c’è solo Potenza, con l'inflazione ‘migliore’ del Paese (+3,4%) e dove in media si spendono "solo" 671 euro in più all'anno. Al 2° posto, appunto, Caserta, con un +3,8%, +739 euro). Medaglia di bronzo Reggio Calabria (+4,2%, +784 euro).

In testa alla graduatoria del maggior aumento di spesa aggiuntiva c’è Genova dove l'inflazione tendenziale è pari a +7,3%, la più alta d'Italia, equivalente a 1591 euro per una famiglia media. Medaglia d'argento per Milano, +5,8% su settembre 2022 e un incremento di spesa pari a 1575 euro a famiglia. Al terzo posto Alessandria che con +7%, la seconda inflazione più alta d'Italia ex-aequo con Brindisi, ha una spesa supplementare pari a 1555 euro annui per una famiglia tipo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caserta è la seconda città d'Italia con l'inflazione più bassa

CasertaNews è in caricamento