rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Un carico di palladio da 700mila euro fermato in autostrada: così i finanzieri hanno incastrato i corrieri

Tracciati altri 13 viaggi con carichi di metalli preziosi in nero

Una ‘consegna’ intercettata dai finanzieri che sono riusciti a sequestrare 700mila euro di palladio, un metallo raro, di aspetto bianco-argenteo, del gruppo del platino a cui somiglia anche chimicamente (viene estratto principalmente da alcuni minerali di rame e nichel).

E’ uno dei retroscena emerso dall’indagine che ha portato al maxi sequestro di oggi di circa 10 milioni di euro ai danni di 8 persone indagate dalla Guardia di Finanza, sotto il coordinamento della Procura di Arezzo. Un’indagine che ha visto finire sotto chiave immobili ad uso abitativo o industriale, ubicati nelle province di Arezzo, Grosseto, Caserta, Milano, Piacenza e Roma, nonché auto d’epoca e moto di grossa cilindrata, oltre a diversi rapporti finanziari.

Il sequestro è stato effettuato nello scorso mese di maggio. L’autovettura di uno dei membri dell’organizzazione è stata “pedinata” lungo il tratto autostradale da Arezzo a Milano, grazie all’utilizzo di rilevatori satellitari di posizione (g.p.s.). Alle porte di Milano, è scattata la perquisizione del veicolo e del suo conducente. Sono stati così rinvenuti e sequestrati due “cilindri” di palladio, del peso di 8,5 chilogrammi, per un valore di circa 700.000 euro, trasportati senza documentazione giustificativa dell’origine.

Complessivamente sono state “tracciate” e ricostruite ulteriori 13 “consegne” di metalli preziosi “in nero”, che non hanno trovato alcun riscontro nella contabilità e che avvenivano, di solito, presso svincoli autostradali in località sempre differenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un carico di palladio da 700mila euro fermato in autostrada: così i finanzieri hanno incastrato i corrieri

CasertaNews è in caricamento