Sequestrati 3 negozi di cannabis light dopo la sentenza della Cassazione

Il provvedimento d'urgenza della Procura notificato dai carabinieri

Le conseguenze della sentenza della Cassazione sulla vendita della cannabis light iniziano a farsi vedere.

Venerdì la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha emesso un decreto di sequestro di tre negozi a Caserta città (due a via San Giovanni, l’altro in via Gemito) che è stato notificato dai carabinieri di Caserta guidati da Andrea Cinus.

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE

All’interno dei locali sono state trovate foglie, inflorescenze, olio e resina ottenuti dalla varietà di canapa Sativa light che in seguito alla sentenza della Cassazione devono essere considerati fuorilegge.

Per questo motivo i tre gestori dei negozi sono stati anche denunciati. La sentenza (di cui si attendono ancora le motivazioni) rischia di far chiudere migliaia di negozi che sono stati aperti in tutta Italia. Molti negozi sono stati chiusi preventivamente per evitare conseguenze come quelle di Caserta (e le contestuali denunce).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Trovato morto in casa: è stato ucciso a coltellate

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

Torna su
CasertaNews è in caricamento