CAMORRA Imprenditore scarcerato dopo la condanna a 7 anni

L'avvocato prepara il ricorso in Cassazione

Il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria

In rarissimi casi coloro che sono ritenuti appartenenti ad una associazione mafiosa sono riusciti ad ottenere gli arresti domiciliari atteso che la legge prevede una presunzione di pericolosità. Ma ogni regola ha la sua eccezione. Seppur condannato in primo grado a nove anni di reclusione, ridotti in appello a 7 anni, per l'inchiesta sulle infiltrazioni camorristiche nell'ospedale di Caserta, l’imprenditore Raffaele Donciglio, detenuto in carcere da circa tre anni e che avrebbe ottenuto numerosi appalti per ingenti somme grazie alla intercessione del boss Zagaria, si è visto accogliere dalla Corte di appello di Napoli la richiesta di scarcerazione.

Nonostante il parere negativo della Procura Generale, le diffuse ed articolate argomentazioni offerte dagli avvocati Dario Vannetiello e Saverio Campana hanno finito per convincere i giudici partenopei i quali sono giunti alla sorprendente decisione di sostituire la misura carceraria con quella degli arresti domiciliari nonostante il divieto generale contenuto nel codice di procedura penale. Così l’accorsato imprenditore potrà attendere tra l’affetto dei suoi cari l’importantissimo esito del ricorso per Cassazione a cui si dedicherà l’avvocato Dario Vannetiello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scopo della difesa è non solo quello di dimostrare che Donciglio non è stato mai intraneo alla famigerata e pericolosissima associazione, né è stato la longa manus del boss Michele Zagaria nel settore degli appalti. Occorrerà trovare cavilli giuridici per superare sia le accuse di tre collaboratori di giustizia (Massimiliano Caterino, Michele Barone e Venosa), sia le preoccupanti intercettazioni dove si parla di fiumi di denaro. Infine, compito della difesa del noto imprenditore sarà anche quello di dimostrare che, sia i ben due milioni e cinquentomila euro in contanti sequestrati sui conti correnti delle sue società, sia l’ingente patrimonio immobiliare pari a circa dieci di milioni di euro, non sono frutto di appalti ottenuti illecitamente, ma solo opera di una regolare, intelligente e fruttuosa attività di un imprenditore dalle brillanti capacità, mai prima di tale procedimento penale coinvolto in alcuna indagine. La posta in palio non è di poco conto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

  • Trasforma la tettoia in mansarda, 'condannato' dal giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento