Cronaca

Rivolta in carcere, 3 detenuti trasferiti e 100 agenti in malattia

I disordini hanno portato al ferimento di 8 agenti dopo l'inchiesta sulle torture in cella. Arrivano i rinforzi

La rivolta in carcere

Tre detenuti trasferiti in un altro penitenziario e un centinaio di agenti in malattia. E' questo l'effetto delle rivolte al carcere di Santa Maria Capua Vetere scoppiate nella tarda serata di venerdì e proseguite per l'intera giornata di ieri alla fine della quale si conteranno 8 agenti feriti.

I tre detenuti, tutti stranieri, promotori delle sommosse sono stati trasferiti in altre strutture penitenziarie campane. I disordini sono avvenuti al reparto "Danubio", quello in cui sono reclusi, anche in isolamento, una cinquantina di detenuti cosiddetti "problematici" per l'ordinamento carcerario; "troppe teste calde insieme", dice un agente che vuole mantenere l'anonimato.

Intanto, dopo la rivolta sono un centinaio gli agenti in servizio al carcere casertano - anche qualcuno dei 57 indagati per i presunti pestaggi di detenuti - che si sono messi in malattia a causa dello stress. Già ieri sera, in rinforzo, sono arrivati quasi un centinaio di agenti del Gom, il gruppo operativo mobile della penitenziaria.

"Apprezziamo l'attenzione del Dap - dice il segretario regionale dell'Uspp, Ciro Auricchio - Aspettiamo ancora le scuse dei carabinieri per la mortificazione subita con l'identificazione dei nostri agenti davanti all'ingresso del carcere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta in carcere, 3 detenuti trasferiti e 100 agenti in malattia

CasertaNews è in caricamento