menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'intervento dei vigili del fuoco

L'intervento dei vigili del fuoco

Rischio esplosione nel palazzo, intero quartiere scende in strada

Una fuga di gas da una bombola ha provocato il panico. Vigili del fuoco in azione per rimuovere il pericolo

Attimi di panico presso varie unità abitative di Francolise: tutti in strada per una fuga di gas. È successo in via Santa Maria a Castello verso le 16,30 dove i residenti del quartiere sono scappati in strada preoccupati per il forte odore di gas proveniente da un'abitazione.

L'odore nauseabondo proveniva dal balcone di un appartamento posto al primo piano di via Santa Maria a Castello dove era posizionata una bombola di gas di circa 15 kg collegata ad una caldaia ad uso domestico. A dare l'allarme è stato uno dei residenti dello stesso immobile. La squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Teano è intervenuta per arginare la perdita tempestivamente.

I caschi rossi si sono dovuti calare dal tetto di un edificio attiguo data l'assenza dei proprietari dell'appartamento dove si era verificata la perdita. Raggiunto il terrazzo hanno chiuso il volantino della bombola ed eliminato la fuoriuscita di gas. La perdita è stata causata dal distacco del flessibile collegato al recipiente presumibilmente per via della pressione e l'alta temperatura esterna a cui era esposta la bombola. Terminate le operazioni e provveduto alla messa in sicurezza del recipiente difettato i residenti hanno fatto ritorno presso le proprie abitazioni un pò più sollevati che il peggio fosse stato scongiurato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Ultime di Oggi
  • Attualità

    L’allarme di De Luca sui vaccini: “Forniture dimezzate”

  • Cronaca

    Casalesi in Toscana, preso anche l'ultimo indagato: era in un 'B&b'

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento