Rapina in banca, due ragazzi finiscono in cella

Bloccati dopo un inseguimento sulla Domitiana. Il giudice dispone il carcere

Le ordinanze eseguite dai carabinieri

Eseguite due ordinanze di custodia cautelare dai carabinieri di Sessa Aurunca per C. B. 30anni e V. L 20 anni di Giugliano in Campania per tentata rapina presso la Banca Popolare di Fondi filiale di Formia lo scorso 28 giugno.

I due insieme al minorenne P. F. fecero irruzione nella banca armati di taglierini minacciando i presenti ed il personale, finendo con l'aggredire il direttore dell'istituto di credito che era riuscito ad azionare l'allarme che interruppe i loro intenti predatori.

I tre scapparono a bordo di una Ford Fusion e vennero intercettati sulla strada statale Domiziana dai carabinieri di Cellole ed il Norm di Sessa Aurunca che riuscirono a trarli in arresto dopo un lungo e pericoloso inseguimento che creò panico tra gli automobilisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e sottoposti a fermo indiziario di delitto perché nella vettura vennero trovati i taglierini adoperati nel tentativo di rapina C. B. e V. L. sono rimasti  associati presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere poiché il GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere all'esito della convalida del fermo ha ritenuto gravi indizi di colpevolezza per la consumazione del tentativo di rapina ed ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare nei loro confronti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, sfondata la quota dei mille casi in Campania

  • Coronavirus, 20 casi nuovi. In Campania 956 contagiati

  • Coronavirus, donna contagiata a Santa Maria Capua Vetere

  • Pasqua in quarantena per il coronavirus. De Luca proroga l'isolamento

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento