Paura al Pronto soccorso: ragazzo terrorizza medici ed infermieri | FOTO

Momenti di panico: danneggiato un lavandino. Allertata la polizia

I danni provocati all'interno del Pronto soccorso di Caserta

Un altro pomeriggio di paura quello vissuto oggi da infermieri e medici che lavorano al Pronto soccorso dell’azienda ospedaliera di Caserta. Un ragazzo ha dato in escandescenze mentre si trovava in attesa nella sala destinata ai codici verdi. Sono stati momenti di paura che hanno spinto il personale ad allertare immediatamente la polizia che è giunta sul posto per placarlo insieme al personale della vigilanza. Il ragazzo ha danneggiato anche un lavandino ed alcuni arredi della struttura ospedaliera, gettando a terra anche un carrello di medicinali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sono chiari i motivi che hanno causato il gesto, che comunque dimostra ancora una volta le difficoltà in cui sono costretti a lavorare medici ed infermieri del Pronto soccorso di Caserta, del cui futuro si è discusso proprio oggi in consiglio comunale, con la necessità paventata di aumentare la disponibilità di personale visto anche l’aumento degli accessi che si sta verificando, con pazienti che arrivano da tutta la provincia ed anche oltre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Ragazza muore ad appena 26 anni: gli amici sotto choc

Torna su
CasertaNews è in caricamento