Usano falsi permessi per invalidi per parcheggiare: 2 denunciati

Sono stati sorpresi dalla polizia municipale in piazza Vanvitelli e in via Sant'Antida

(foto di repertorio)

La polizia municipale di Caserta, guidata dal comandante Luigi De Simone, ha denunciato due persone che utilizzavano falsi permessi di invalidi. I due automobilisti, rispettivamente di Caserta e San Nicola la Strada, dovranno rispondere del reato previsto e punito dal codice penale per aver commesso un falso in atto pubblico.

I due episodi sono avvenuti rispettivamente in piazza Vanvitelli e via Sant’Antida. Nel primo caso il conducente di un Suv utilizzava una fotocopia a colori plastificata di un contrassegno disabili, rilasciato legittimamente ad un persona anziana, poi risultata ignara di tutto, per parcheggiare in uno stallo riservato agli invalidi nella centralissima piazza del Capoluogo. L’uomo è stato deferito all’autorità giudiziaria e sanzionato come previsto dal Codice della Strada con relativa decurtazione dei punti dalla patente. Il falso permesso è stato sequestrato.

In via Sant’Antida, invece, gli agenti hanno scoperto due coniugi che utilizzavano contemporaneamente negli stalli riservati ai residenti lo stesso permesso invalidi, rilasciato legittimamente al genitore anziano di uno di loro. Dalle attività successive è emerso che il marito della donna aveva fotocopiato e plastificato il permesso dell’anziano suocero per parcheggiare gratuitamente anche la sua autovettura. L’uomo è stato denunciato ed entrambi i veicoli sanzionati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento