rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca Marcianise

"Va preso a calci in c..." Velardi furioso chiama Magliocca

Il sindaco imbufalito per la richiesta di regolarizzazione inviata dall'Agis alla palestra Fiamme Oro

“Ho chiamato il presidente della Provincia e ho fatto il pazzo”. Non usa giri di parole il sindaco di Marcianise Antonello Velardi, imbufalito per quella che definisce una “aggressione a colpi di carte bollata” da parte dell’Ente guidato da Giorgio Magliocca.

Oggetto del contendere la palestra di delle Fiamme Oro, ospitata dal liceo ‘Quercia’ del dirigente Diamante Marotta. La società per la gestione degli impianti di proprietà della Provincia, l’Agis, ha inviato al dirigente una lettera chiedendo la regolarizzazione della posizione delle Fiamme Oro.

Azione che Velardi definisce “surreale”. “La Provincia non sa – spiega il sindaco - che c'è una convenzione firmata dalla Provincia stessa con il Ministero dell'Interno nell'ambito di un progetto pilota a livello nazionale. Quella palestra è stata voluta con grande forza dalla comunità marcianisana e un ruolo rilevante lo ebbe - devo dirlo, ho l'obbligo di dirlo - l'allora presidente della Provincia Domenico Zinzi. La lettera della società provinciale, l'Agis, è una delle lettere più demenziali che poteva produrre la burocrazia italiana. Chi la firma non sa di che parla. Ingiunge di fare delle cose che lui ignora completamente. Perché l'ha fatto? Chi gliel'ha detto di farlo? Chi è il mandante?”.

Da qui la chiamata a Magliocca, al quale ha chiesto di “prendere a calci in culo il direttore dell'Agis, da lui nominato, perché uno che agisce in questo modo non può stare neanche un secondo in più al posto suo: non sa di che parla. E lo stipendio glielo pago anche io con le mie tasse: per me è da licenziare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Va preso a calci in c..." Velardi furioso chiama Magliocca

CasertaNews è in caricamento