menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ciro Guarente e Vincenzo Ruggiero

Ciro Guarente e Vincenzo Ruggiero

Omicidio Ruggiero, al via l'appello per il killer Guarente

Il verdetto dei giudici fissato in una sola settimana. In primo grado è stato condannato all'ergastolo

Tempi stretti, strettissimi. Si decide tutto in una settimana nel processo d'appello a carico di Ciro Guarente, l'ex cuoco della marina militare che nel luglio del 2017 ha ucciso e fatto a pezzi il 25enne attivista gay di Parete Vincenzo Ruggiero

E' l'indicazione data dal presidente della corte partenopea Eugenia Del Balzo nel corso della prima udienza del processo bis per Guarente. Stamattina si è svolta la relazione preliminare da parte del relatore con un rinvio alla settimana prossima quando ci saranno due udienze per le discussioni del procuratore generale, delle parti civili e del difensore di Guarente, l'avvocato Dario Cuomo. Poi ci sarà il verdetto dei giudici. 

In primo grado il giudice Finamore aveva inflitto l'ergastolo per Guarente. Quello di Ruggiero fu un delitto particolarmente efferato. Guarente prima lo uccise, poi lo sciolse nell'acido per farlo sparire. I resti del 25enne di Parete vennero trovati in un garage a Ponticelli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento