rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca

L'omicidio di Gennaro Leone: 21 anni di carcere per il killer

Atti in Procura per i medici del pronto soccorso che curarono Gennaro quella notte

Ventuno anni ed un mese di reclusione per Gabriel Ippolito. Questa la sentenza della Corte d'Assise di Santa Maria Capua Vetere che si è pronunciata sull'omicidio di Gennaro Leone, il pugile 18enne di San Marco Evangelista, ucciso da una coltellata alla coscia nell'agosto del 2021 in via Vico, una delle strade della movida al centro di Caserta.

I giudici hanno riconosciuto le attenuanti generiche come chiesto dal pm disponendo per il 22enne di Caivano l'interdizione perpetua dai pubblici uffici oltre al risarcimento nei confronti delle parti civili, da quantificare in sede civile, con una provvisionale immediatamente esecutiva di 100mila euro nei confronti dei genitori di Gennaro, di 70mila euro per ciascun fratello, 7mila euro per il Comune di Caserta e 5mila per la fondazione Polis. Disposta, infine, la trasmissione degli atti in procura sia per due ragazzi, tra cui la fidanzata di Gabriel, ed i sanitari dell'ospedale di Caserta che ebbero in cura Gennaro quella tragica notte.

Il pubblico ministero Chiara Esposito a margine della sua requisitoria aveva invocato 23 anni di carcere, con concessione delle attenuanti generiche visto l'atteggiamento collaborativo dell'imputato che, nel corso del processo, ha chiesto scusa alla famiglia di Gennaro: "Sono pentito. Non volevo uccidere Gennaro ed ora vivo con questo senso di colpa che mi opprime. Chiedo scusa alla famiglia di Gennaro".

Gabriel Ippolito è stato difeso dagli avvocati Angelo Raucci e Michela Ponticelli. Per le parti civili sono stati impegnati gli avvocati Alfredo Plini ed Alberto Tartaglione, per i familiari di Gennaro, Carolina Mannato, per il Comune di Caserta, ed il legale della Fondazione Polis.

Leone, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, venne accoltellato ad una gamba durante una lite per futili motivi. Uno sguardo di troppo, le parole che diventano grosse, le minacce ed infine il fendente che gli recise l'arteria femorale. Dopo l'accoltellamento rimase a terra, in via Vico, nella zona dei baretti, venendo soccorso prima da alcuni passanti, poi la corsa in ospedale dove purtroppo il suo cuore smise di battere qualche ora più tardi. Le indagini dei carabinieri di Caserta, anche con l'utilizzo delle telecamere, permisero di ricostruire l'accaduto. Gabriel fu fermato dai carabinieri il giorno successivo. Davanti alla visione di quelle immagini crollò, confessando.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio di Gennaro Leone: 21 anni di carcere per il killer

CasertaNews è in caricamento