rotate-mobile
Cronaca

Nicolò muore al Covid Hospital: "Scaricato in strada da ambulanza, a nessuno importa di un clochard"

La denuncia dell'Angelo degli Ultimi: "Portato in pronto soccorso e risultato positivo dopo tre giorni. E' morto solo"

Nicolò non ce l'ha fatta. Il clochard assistito dall'associazione l'Angelo degli Ultimi di Caserta si è spento al Covid Hospital di Maddaloni dove era stato ricoverato in seguito alla riscontrata positività al coronavirus. 

Lo riferisce la stessa associazione che denuncia quanto accaduto a Nicolò, il clochard gentile e "amico di tutti" che tornava sempre con un fiore. Secondo quanto ricostruito dall'associazione giovedì sera Nicolò sarebbe stato trasportato in pronto soccorso in seguito ad un malore. Venerdì i membri dell'associazione si sono recati in ospedale per avere informazioni. Gli è stato risposto che sarebbe stato ricoverato in giornata. Sabato sera, però, Nicolò era nella zona della ex Saint Gobain. Qualcuno avrebbe "visto un’ambulanza scaricare lui in una strada isolata con tanto di testimoni".

"Eri lì su un marciapiede non stava bene e subito dei passanti hanno chiamato il 118 - raccontano dall'associazione - Dopo aver fatto il tampone è risultato positivo al Covid. Quindi ospedale di Maddaloni dove sono stati sempre in contatto con noi".

Chi lo conosceva, i compagni di strada hanno pregato per lui. Un presidio della speranza fuori il Covid Hospital fino alla conferma drammatica: Nicolò non ce l'ha fatta. "Non è deceduto per il Covid, anche se era positivo, ma per il male che già aveva avuto in questi giorni e forse da tempo. Adesso nessuno sa niente, è andato via da solo. Intanto nessuno ci aveva avvisato, infondo a chi importa di un povero clochard", concludono dall'associazione.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nicolò muore al Covid Hospital: "Scaricato in strada da ambulanza, a nessuno importa di un clochard"

CasertaNews è in caricamento