menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La lepre trovata morta a Mondragone

La lepre trovata morta a Mondragone

Le guardie venatorie trovano una lepre morta: è un esemplare del ripopolamento

Avviati accertamenti sul caso per capire cosa abbia causato il decesso

Le guardie venatorie dell'associazione Enalcaccia di Caserta durante il servizio di controllo delle lepri introdotte sul territorio provinciale la settimana scorsa, hanno rinvenuto una lepre morta con il numero di provenienza ancora attaccato all'orecchio, particolare che dà la certezza che si tratti di un esemplare rinvenuto durante il ripopolamento fatto dall’amministrazione provinciale di Caserta.

Le guardie Aquilante e Favarolo, dopo aver trovato la lepre sul territorio di Mondragone, hanno contattato immediatamente il presidente della sezione Enalcaccia comunale (nonché consigliere provinciale della medesima associazione) Antonio Sperlongano, che ha provveduto ad attivare il servizio veterinario provinciale oltre che per il recupero della carcassa, anche per fare i dovuti accertamenti sul caso. A supporto delle operazioni sono interventi anche le guardie zoofile Di Francesco e Truscello e la GG.VV. Mingione.

L’unica vera speranza da parte degli attivi volontari è che la lepre non sia morta per qualche malattia e, per un sempre maggiore controllo ed una più accurata tutela della selvaggina, qualora dovessero ripetersi situazioni similari con rinvenimenti analoghi, bisogna confidare che ci sia il buon senso da parte di chiunque ad avvisare immediatamente il servizio veterinario dell’ASL.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento