rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca Falciano del Massico

I giudici confermano l'interdittiva antimafia al consorzio delle cooperative

Rigettata la richiesta di sospensione del provvedimento emesso dalla Prefettura: "Misure adottate non sono idonee ad evitare rischio infiltrazione"

Nessuna sospensione dell'interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Caserta nei confronti del Consorzio Nestore di Falciano del Massico. Lo ha deciso il Tar della Campania a cui il consorzio di cooperative, coinvolto tra l'altro nell'indagine sugli affidamenti a società del terzo settore a Sparanise, si è rivolto impugnando il provvedimento prefettizio.

I giudici hanno rigettato la domanda di sospensione dell'esecuzione dell'interdittiva riservandosi di entrare nel merito della vicenda. Nel provvedimento del Tar si legge che "le misure di self cleaning (cioè adottate per evitare l'effetto escludente dalle procedure di gara nda) pur espressamente valutate dalla Prefettura, sono state considerate – secondo criteri che non possono dirsi irragionevoli – non idonee ad eliminare i rischi di infiltrazione nel Consorzio ricorrente, atteso che, per un verso, sono state adottate dopo la comunicazione dell’informazione interdittiva e, per altro verso, non determinano alcuna discontinuità gestionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giudici confermano l'interdittiva antimafia al consorzio delle cooperative

CasertaNews è in caricamento