menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprenditore liberato dopo 72 ore di carcere dopo le accuse della compagna

Il magistrato aveva disposto il fermo col ‘Codice rosso’, ma il gip non lo ha convalidato

Arrestato e portato in carcere con l’accusa di maltrattamenti, sequestro di persona e minaccia nei confronti della compagnia: imprenditore di Marcianise viene scarcerato dopo 72 ore dal gip Dello Stritto che non convalida il fermo emesso dal magistrato della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

E’ potuto così tornare quasi subito in libertà l’imprenditore di Marcianise arrestato nei giorni scorsi dopo che la compagna aveva denunciato alle forze dell’ordine di essere stata sequestrata e picchiata dall’uomo. Il pubblico ministero Turco, avuta la segnalazione, ha immediatamente disposto, con l’ausilio della nuova legge sul ‘Codice rosso’, il fermo dell’uomo che è stato portato in carcere a Santa Maria Capua Vetere.

Ma dopo tre giorni il colpo di scena: il gip, dopo aver ascoltato il difensore dell’imprenditore, l’avvocato Nicola Musone, e la contestazione alle accuse che gli erano state rivolte, decide di non convalidare il provvedimento di fermo, disponendo l’immediata scarcerazione dell’indagato che è tornato in libertà senza alcun tipo di provvedimento a suo carico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Positivi a scuola, due plessi chiusi per la sanificazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento