menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La cisterna sequestrata dalla Guardia di Finanza

La cisterna sequestrata dalla Guardia di Finanza

Sequestrati 60mila euro di gasolio di contrabbando per i distributori di benzina | FOTO

Blitz della Finanza all'uscita del casello autostradale: 2 denunciati

Nell’ambito del piano di controllo del territorio per il contrasto dei traffici illeciti, sabato scorso una pattuglia su strada della Compagnia della Guardia di Finanza di Capua ha intercettato una cisterna a doppio scomparto contenente gasolio per autotrazione e benzina intenta ad effettuare uno scarico illecito, sottoponendo a sequestro oltre 27 tonnellate di prodotto petrolifero, pari a circa 35.000 litri, oltre al mezzo utilizzato per il trasporto. Denunciati all’Autorità Giudiziaria il conducente dell’automezzo e un acquirente del carburante sorpreso a riempire diverse taniche. 

La scoperta è stata fatta nel corso di una perlustrazione nelle vicinanze del casello autostradale di Santa Maria Capua Vetere, i finanzieri hanno notato la sosta sospetta di un’autocisterna nel parcheggio del locale cimitero. Giunti sul posto, i militari hanno colto in flagranza l’autista intento a scaricare il gasolio in diverse taniche poste all’interno dell’autovettura di un soggetto di Santa Maria Capua Vetere. 

sequestro gasolio finanza autostrada smcv2-2

Dall’esame dei documenti di trasporto è emerso che il prodotto petrolifero (proveniente da una società di carburanti con sede in Roma) era invece destinato ad un’azienda della provincia di Napoli, operante anch’essa nel settore petrolifero, e, pertanto, la cessione effettuata nei confronti del privato non solo non trovava alcuna giustificazione, ma avveniva in totale evasione di imposta. Ciò a dimostrazione che la documentazione commerciale che accompagnava il prodotto era un mero schermo cartolare, utile in caso di controlli su strada, ma poi da distruggere una volta che il prodotto fosse stato immesso nel circuito parallelo. Una sorta di “consegna a domicilio” di gasolio esentasse con una distribuzione del prodotto direttamente agli acquirenti finali, evidentemente ben consapevoli e fidelizzati in questo commercio illegale. Sulla base della documentazione acquisita nonché dalle giustificazioni contraddittorie fornite dalle parti, i militari hanno proceduto alla denuncia a piede libero alla competente Autorità Giudiziaria dell’autista, un 45enne di Torre del Greco, e dell’acquirente, in quanto responsabili, in concorso, del reato di sottrazione al pagamento dell’accisa del prodotto trasportato, nonché al sequestro dell’autoarticolato e delle 27 tonnellate di carburante del valore di circa 60.000 euro. Inoltre, considerata l’anomala e pericolosa modalità di scarico, sono stati effettuati dei campionamenti al fine di procedere alla successiva verifica delle sue specifiche chimiche e delle connesse caratteristiche qualitative del prodotto, cui seguiranno approfondimenti per accertare le finalità del suo impiego da parte del giovane acquirente. 

L’operazione di servizio, che segue altri rilevanti sequestri di prodotto petrolifero di contrabbando effettuati nelle ultime settimane dai reparti della Guardia di Finanza della provincia di Caserta, ha consentito di rimuovere dal mercato una rilevante quantità di carburante che sarebbe stato destinato all’immissione in commercio in evasione fiscale, con ingente danno per l’erario, ma anche per gli operatori onesti del settore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

Insegnante della scuola media positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento