18 ARRESTI Furti e rapine nelle case: smantellata la banda

Operazione dei carabinieri di Caserta: i proprietari delle abitazioni aggrediti dai malviventi

I carabinieri di Caserta hanno smantellato la banda

Furti, rapine, ricettazioni di auto ed estorsioni. Sono queste le accuse che la Procura della Repubblica muove nei confronti di 18 persone arrestate stamattina dai carabinieri della Compagnia di Caserta. ù

L'inchiesta - che ha portato ad 11 misure cautelari in carcere, 1 agli arresti domiciliari e 6 obblighi di presentazione alla Pg - è stata avviata in seguito ad una serie di cruenti rapine in abitazioni dell'agro caleno, degenerate in aggressioni alle vittime. Proprio da uno di questi episodi, in seguito ad una rapina avvenuta in una casa a Liberi sfociata in una colluttazione tra i malviventi ed un amico dei proprietari, i carabinieri avevano rinvenuto alcune tracce di sangue che avevano inviato al Racis e fatto analizzare.

Dal dna si è risaliti a due albanesi e da lì è partita l'inchiesta che ha permesso di accertare 5 rapine aggravate e 34 furti in appartamenti tra la Campania ed il Lazio. In un caso, in seguito ad un colpo in una casa di Giugliano, uno dei banditi albanesi aveva ingaggiato un conflitto a fuoco con un poliziotto libero dal servizio, rimanendo ferito e venendo arrestato.

La banda girava sempre armata di pistole e si muoveva ben organizzata. Un gruppo di professionisti che si ritrovava in precise località da dove partiva per le spedizioni in seguito alle quali, alle prime luci dell'alba, rientrava alla base.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In molti episodi la banda - composta da 16 albanesi e 2 italiani - rubava anche le auto chiedendo il cavallo di ritorno ai proprietari o rivendendole a terzi, attraverso ricettatori che si avvalevano di officine meccaniche compiacenti. Gli indagati sono stati più volte espulsi dal territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Treno deragliato, chiuso un tratto dell'A1. Automobilisti 'sequestrati' in autostrada

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento