rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca Parete

Il funerale dei coniugi, don Emilio: "Questo non è il luogo per le condanne"

Grande folla nella chiesa di San Pietro Apostolo per l'ultimo saluto

In una chiesa San Pietro Apostolo gremita oggi pomeriggio (dalle 15.30) si è dato l’ultimo saluto a Francesco Afratellanza e Antonietta Della Gatta, rispettivamente padre 82enne e madre 78enne di Graziano Afratellanza, il 40enne accusato di aver sgozzato i propri genitori per motivi ancora sconosciuti. Alle 14.30 le salme sono arrivate in chiesa facendo l’ultimo viaggio dal Secondo Policlinico di Napoli a Parete, la cittadina di 11mila anime che ha accolto tutti gli anni della loro vita. Tutti i negozi chiusi per 2 ore, dalle 14 alle 16, e al rito funebre presente anche il primo cittadino Gino Pellegrino.

Ad officiare la sacra messa don Emilio Tamburrino che ha voluto ricordare le due vittime di questo “orrendo omicidio” sottolineando “la fede di Francesco ed Antonietta che nella loro ultima domenica in vita erano qui, davanti a me, per ascoltare la parola di Dio. L’unica cosa che mi conforta è che abbiano salutato questa vita accogliendo nel proprio corpo, grazie alla comunione, la vita e la forza di Dio. Questo non è il luogo adatto per le condanne: mi sento di chiedere a Dio di perdonare anche colui che ha fatto questo tremendo gesto, perché la testa può ‘partire’ in qualsiasi momento e si possono fare errori che poi potremmo pagare per tutta la vita”. In estremo silenzio le due salme sono state portate fuori dalla chiesa e ora saranno custodite nel cimitero di Parete. Le anime però voleranno in cielo, affinché l’amore tra Francesco ed Antonietta possa vivere in eterno.

ll funerale dei coniugi Francesco Afratellanza e Antonietta Della Gatta

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il funerale dei coniugi, don Emilio: "Questo non è il luogo per le condanne"

CasertaNews è in caricamento