rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca Pignataro Maggiore

Si finge poliziotto e violenta prostitute: 45enne a processo

Le vittime disertano l'udienza: verranno costrette a recarsi in tribunale

Si sta celebrando dinanzi al collegio presieduto dal giudice Giovanni Caparco il processo a carico di C.S., 45 anni di Bellona, accusato di aver violentato alcune prostitute tra Pignataro Maggiore e Bellona. 

Nel corso dell'ultima udienza si sarebbero dovute ascoltare le vittime del 45enne, il cui arresto nel 2019 venne annullato dal tribunale del Riesame e che si è sempre professato innocente. Le donne, però, hanno disertato il palazzo di giustizia costringendo il giudice ad un rinvio a inizio febbraio quando dovranno presentarsi nuovamente in aula. 

Secondo quanto ricostruito, il 45enne - difeso dall'avvocato Salvatore Piccolo - si fingeva poliziotto e dopo aver avvicinato le lucciole per pattuire le prestazioni sessuali, si appartava in luoghi isolati a bordo della propria auto per poi colpirle con calci e pugni, in alcuni casi minacciandole anche con una pistola, in tal modo obbligando le donne a consumare rapporti sessuali non protetti. 

Prima di allontanarsi, l'aggressore continuava a percuotere le vittime, minacciandole inoltre di morte nel caso in cui avessero riferito a qualcuno l'accaduto. In una circostanza, dopo aver violentato una giovane donna, l'uomo ha cercato di spingere la ragazza verso la ripida e profonda scarpata dell'argine del Volturno, con l'intento di farla cadere nelle acque del fiume. La donna riusciva a darsi alla fuga, salvandosi grazie all'intervento di un passante in transito sulla vicina strada provinciale. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si finge poliziotto e violenta prostitute: 45enne a processo

CasertaNews è in caricamento