Sequestro di 1,2 milioni alla Promotek. "Ecco come faceva a vendere a prezzi stracciati"

L'indagine della Guardia di Finanza ha svelato costi fittizi per non pagare l'Iva

La Compagnia della Guardia di Finanza di Capua, su delega della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni fino ad un valore soglia di 1,2 milioni di euro avente ad oggetto le disponibilità finanziarie della Promotek S.r.l., società operante nel settore del commercio di articoli elettronici, con sede operativa a Santa Maria Capua Vetere, nonché il patrimonio personale dei rappresentanti legali pro-tempore.

Il sequestro preventivo è stato emesso dal G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura, che ha proposto la misura cautelare reale all'esito della verifica fiscale svolta dallo stesso Reparto della Guardia di Finanza, conclusa con la denuncia dei titolari della società per i delitti di cui agli artt. 2 e 4 del D.Lgs. 74/2000.

Questi ultimi, infatti, si sono resi responsabili di aver indicato nelle dichiarazioni dei redditi relative agli anni 2016 e 2017 elementi attivi inferiori a quelli effettivi per circa un milione e mezzo di euro nonché costi fittizi derivanti da fatture per operazioni inesistenti emesse da società compiacenti per oltre centomila euro, al fine di ridurre l'ammontare del reddito da tassare.

Dagli accertamenti svolti, infatti, è emerso che la Promotek srl contabilizzava anche costi relativi ad acquisti di9 merce da una società (risultata essere evasore totale) assolutamente non inerenti al suo oggetto sociale (ad esempio pezzi di ricambio per bici) che poi rivendeva nella stessa giornata con una percentuale di ricarico minima, pari a circa l’1%, ma in completa evasione di imposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tale meccanismo fraudolento ha consentito, secondo la Procura, alla società sammaritana di abbattere illecitamente il carico fiscale e di poter praticare sul mercato prezzi di vendita decisamente più competitivi così da contrastare i concorrenti onesti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento