Falsi invalidi, giallo sull'utilizzo delle intercettazioni al processo

Le conversazioni autorizzate per un altro procedimento. I giudici prendono tempo

L'ex sindaco di San Marcellino Pasquale Carbone tra gli imputati

Giallo sull'utilizzabilità delle intercettazioni. E' l'eccezione preliminare sollevata dai difensori degli imputati nel processo sui falsi invalidi che vede alla sbarra anche l'ex sindaco di San Marcellino Pasquale Carbone

Stamattina si è celebrata la prima udienza a carico di Carbone, di suo figlio Cosimo, del medico Salvatore Ambrosio, del titolare di un Caf di Lusciano, Michele Russo, e di Giuseppe e Benito Di Costanzo. In apertura del dibattimento il pm titolare delle indagini ha chiesto la trascrizione delle intercettazioni con i difensori che si sono opposti.

Alla base dell'eccezione del collegio difensivo il fatto che le intercettazioni, confluite nell'ordinanza di custodia cautelare, erano state autorizzate nell'ambito di un altro procedimento che non è connesso a quello oggetto del processo. Inoltre i reati contestati - corruzione e truffa - non rientrano nel novero di quelli per i quali è previsto l'arresto in flagranza di reato per i quali è prevista, invece, l'utilizzabilità anche in altri processi.

Al riguardo, come segnalato dai difensori al collegio giudicante, si è espressa la Cassazione a Sezioni Unite ribadendo il divieto di "utilizzazione dei risultati di intercettazioni di conversazioni in procedimenti diversi da quelli per i quali siano state autorizzate le intercettazioni". Sulla questione i giudici hanno preso tempo e scioglieranno la riserva a febbraio. Nel collegio difensivo fanno parte gli avvocati Fabio Della Corte, Enzo Di Vaio, Renato Jappelli, Vittorio Caterino e Giuseppe Stellato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l'accusa Carbone avrebbe corrotto il titolare del Caf ed il medico che faceva parte della commissione dell'Inps per fare percepire una pensione di invalidità civile al figlio. Tra le presunte cause invalidanti venne diagnosticata anche la demenza senile ad un ragazzo di appena 27 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento