rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Evasione fiscale da 25 milioni di euro: i giudici "confermano" le accuse

Il 39enne coinvolto in una maxi inchiesta sul mancato versamento dell'iva nel commercio di carburanti

Maxi evasione dell'iva sulla commercializzazione di carburanti. Per questo motivo è finito nei guai Filippo G., 39enne di Santa Maria Capua Vetere, arrestato lo scorso mese di marzo dalla Guardia di Finanza di Perugia e per il quale è stato disposto l'obbligo di dimora nel comune di Pietramelara.

Misura che è stata confermata dalla Corte di Cassazione che ha rigettato il ricorso presentato dall'indagato per l'annullamento della misura cautelare. Per i giudici della Terza Sezione della Suprema Corte - presieduta da Luca Ramacci - non sono attenuate "le esigenze cautelari ritenute all'atto dell'applicazione della misura; ovvero il pericolo di reiterazione di reati di natura fiscale o contro il patrimonio, anche in considerazione della situazione di precarietà economica del ricorrente".

Pertanto il ricorso è stato dichiarato inammissibile. L'accusa per il 39enne sammaritano è di aver fatto parte di un sodalizio criminale che ha evaso circa 25 milioni di euro per il mancato versamento dell'Iva sul commercio di carburante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale da 25 milioni di euro: i giudici "confermano" le accuse

CasertaNews è in caricamento