menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ras dei Belforte con la droga nell'auto, finisce in manette

Bloccato dai carabinieri mentre era in auto con la compagna: ristretto ai domiciliari

Era a bordo di una Daewoo Matiz con la sua compagna, Patrizio Pascale 42 enne maddalonese pluripregiudicato, libero vigilato ed affiliato al clan dei Belforte detti i Mezzacane di Marcianise quando è stato avvistato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Maddaloni e sentendosi alle strette ha cercato di svoltare sottraendosi al controllo dei militari. Dal finestrino dell'auto viene gettato un pacchetto, immediatamente recuperato dai carabinieri contenente 3 grammi di cocaina cristallizzata e 4 grammi di crack pronte per esser 'tagliate' ed immesse nelle piazze di spaccio. Un breve inseguimento per via Forche Caudine e via Nazionale ed il blocco della vettura in via Cancello da parte degli uomini della Benemerita dove hanno messo le manette ai polsi di Pascale per detenzione illecita di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Patrizio Pascale è in regime di arresti domiciliari in attesa delle disposizioni dell'Autorità Giudiziaria. Pascale fu il destinatario di una delle 34 ordinanze di custodia cautelare di cui 28 in carcere e 6 agli arresti domiciliari eseguite dalla Polizia di Stato di Caserta su disposizione della DDA di Napoli che smantelló le ramificazioni del clan Belforte in particolar modo delle fazioni attive a Maddaloni, Cervino, Valle di Maddaloni e Santa Maria a Vico. I 34 'ristretti' vennero indagati a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata all'acquisto, detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio al fine di agevolare l'organizzazione camorrista, reati inerenti le armi  oltre che esser ritenuti  responsabili di varie condotte estorsive pertetrate dagli affiliati al clan dei Mezzacane  ai danni di imprenditori edili, di calcestruzzo ed inerti, distribuitori di carburanti e bar. Nel mirino del clan anche i lavori per il rifacimento della Chiesa di Santa Maria Madre di Maddaloni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento