menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il circolo in via Caprio Maddaloni a San Clemente

Il circolo in via Caprio Maddaloni a San Clemente

Droga nel circolo, custode complice dei pusher. Casa trasformata in "raffineria" della cocaina

Sono 14 gli indagati nell'inchiesta dei carabinieri sullo spaccio a San Clemente. Scoperto anche un furto in un negozio

Sono 14 complessivamente le persone indagate dalla Dda, di cui 12 già finite agli arresti domiciliari, per lo spaccio di droga in un circolo sportivo di via Caprio Maddaloni, nella frazione San Clemente di Caserta. 

Un giro d'affari da migliaia di euro a settimana derivante dalla vendita di stupefacenti, prevalentemente cocaina e crack. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la banda riusciva a rifornirsi di droga attraverso un canale privilegiato di approvvigionamento a Caivano. Lo stupefacente veniva stoccato, lavorato e suddiviso in dosi in un appartamento di via Cittadella, preso in fitto da un prestanome (risultato estraneo alla vicenda) di uno dei prestanome del gruppo criminale. 

Per le "corse della droga", cioè per le spedizioni per andare ad acquistare lo stupefacente a Caivano, il gruppo utilizzava auto, sempre diverse, prese a noleggio, in modo da non essere intercettati. 

Dopo l'acquisto la cocaina finiva nell'appartamento per essere lavorata e trasformata in crack o suddivisa in singole dosi. Una sorta di raffineria artigianale. Successivamente veniva spacciata al dettaglio. Sia gli appuntamenti con i clienti direttamente in strada. Sia all'interno dello "Sport Club Giovanile" di via Caprio Maddaloni di cui Salvatore Piscitelli (finito ai domiciliari) era custode. Proprio il circolo era il luogo fisico in cui gli acquirenti sapevano di riuscire a reperire la droga.  

Oltre allo spaccio di droga nell'ordinanza di custodia cautelare è finito anche un furto in un negozio commesso da tre degli indagati che, dopo aver forzato un portone, si introdussero nell'attività commerciale di via Caprio Maddaloni per derubarla. Nelle prossime ore verranno fissati gli interrogatori di garanzia degli indagati. Tra i difensori è impegnato l'avvocato Nello Sgambato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento