Droga, domiciliari per l’ex gestore di un bar

Era rimasto coinvolto nell’inchiesta sulla famiglia Milone

(foto di repertorio)

Il tribunale del Riesame ha disposto la revoca dell’ordinanza cautelare in carcere, sostituendola con quella dei domiciliari, per Raffaele Rossetti, coinvolto nell’inchiesta sullo spaccio di droga tra Marcianise, Orta di Atella, Cesa e Sant’Arpino. Era accusato di essersi rifornito di droga dalla famiglia Milone di Cesa per poi rivenderla. L’uomo, che in carcere non era ancora andato per motivi di salute, si è visto accogliere il ricorso presentato dall’avvocato Pasquale Delisati il quale ha sottolineato come, nell’ambito dell’inchiesta, non sia mai stata trovata droga a carico dell’indagato. In una sola occasione, all’interno del bar che aveva in gestione, fu rinvenuta droga, ma la vicenda e poi stata archiviata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento