Rifornivano di droga il litorale domizio, manette ai polsi per 2 coniugi

Trovata anfetamini, marijuana e hashish nell'abitazione: arrestati e tradotti in carcere

La Squadra Mobile di Caserta ha arrestato, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, due coniugi nigeriani, il 43enne Shedrack Alasa Divine Osaimodiue di 36 anni, entrambi domiciliati a Castel Volturno ma irregolari sul territorio nazionale.

I due, già dediti allo spaccio tra Castel Volturno e Mondragone, avevano incrementato il flusso di lavoro 'grazie' anche all'auemnto dei vacanzieri sul litorale e dopo un breve servizio di osservazione, effettuato nei pressi dell’abitazione dei coniugi, i poliziotti hanno subito notato dei movimenti sospetti che hanno quindi permesso agli uomini della Squadra mobile di fare irruzione all'interno della casa.

Qui sono stati ritrovati, occultati in varie parti dell’abitazione, due involucri contenenti 41 grammi di anfetamini, nove involucri contenenti 17 grammi di marijuna e altri involucri con 2 grammi di hashish insieme ad un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento della sostanza e denaro contante per 1.280 euro.

Dopo gli accertamenti di rito, i coniugi sono stati dichiarati in arresto e, come disposto dal pubblico ministero di turno competente, sono stati portati in carcere. L’uomo a Santa Maria Capua Vetere e la donna presso il carcere di Pozzuoli, in attesa del giudizio di convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento