Carcere per l'avvocato Chianese per la discarica dei veleni

Condannato a 18 anni per il disastro alla Resit. Assolto il subcommissario Facchi

Cipriano Chianese

Diciotto anni per Cipriano Chianese, il proprietario della discarica dei veleni Resit tra Parete e Giugliano. Questo il verdetto pronunciato dalla Corte d'Assise d'Appello di Napoli che ha, però, escluso il reato di disastro ambientale che è stato assorbito in quello di avvelenamento delle falde acquifere. 

Assoluzione, invece, per Giulio Facchi, l’ex subcommissario ai rifiuti, che era stato ritenuto tra i responsabili del disastro ambientale e fu condannato a 5 anni e 6 mesi in primo grado. Un impianto nel quale per decenni, anche durante il periodo dell’emergenza rifiuti gestita dal Commissariato, sono stati sversati rifiuti tossici senza alcun controllo per ordine dei Casalesi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento